IL BALLO DELLE POLTRONE PROVINCIALI

Le ormai imminenti elezioni regionali danno a questo valzer locale di poltrone l’ennesima impressione di spartizione sfacciata del potere
Rinaldo Vanni, sindaco di Monsummano
Rinaldo Vanni, sindaco di Monsummano

MONSUMMANO. È curioso vedere come tre sindaci della Valdinievole abbiano ricevuto dalla presidente della Provincia Federica Fratoni numerose deleghe e la nomina, per il sindaco di Monsummano, addirittura di vicepresidente.

Facciamo fatica a cercare di non vedervi l’ennesima manovra di sfruttamento della cosa pubblica in base ai propri interessi politici o meglio ancora personali. In fondo da poltrona nasce poltrona e guarda caso i tre sindaci valdinievolini non potranno essere rieletti alle prossime elezioni comunali.

La fatica diventa ancora più pesante se pensiamo che in Provincia ci sono degli autonominati che non sono passati dalle urne. Ma l’abusivismo in politica è ormai di moda e certificato anche dalla lenta e distratta Corte costituzionale che ha delegittimato persino il Parlamento italiano.

E la fatica diventa proprio insostenibile se pensiamo all’ultima uscita del presidente della Regione Enrico Rossi che sostanzialmente mantiene a tempo indeterminato la struttura delle Province che il suo governo aveva detto di aver finalmente abolito. In fondo le Province servivano solo come arma di distrazione di massa in quanto i veri sprechi sono in Regione dove pochi giorni fa si è dato l’ennesimo spregevole spettacolo su vitalizi e stipendi esorbitanti. L’ulteriore schiaffo in faccia a disoccupati e lavoratori.

E le ormai imminenti elezioni regionali danno a questo valzer locale di poltrone l’ennesima impressione di spartizione sfacciata del potere. Forse qualcuno in Provincia punterà ad essere eletto in Regione e quindi si libereranno ulteriori poltrone. Insomma, politica da Medioevo.

Speriamo almeno che gli attuali, e prossimi, inquilini abusivi provinciali non richiedano in futuro il vitalizio che peserebbe solo sulla schiena di chi lavora veramente.

Giacomo Pasqui e Marco Conti
Monsummano Terme Bene Comune

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento