IL CAMPANILE DI SAN ZENO TORNERÀ A SUONARE

L’orologio di San Zeno. 1
L’orologio di San Zeno. 1

PISTOIA. Rimasto in silenzio per qualche anno, l’orologio del campanile della cattedrale di San Zeno tornerà a scandire il passare del tempo e ad indicare l’ora a chi attraversa piazza del Duomo. Dal 1905 al 2012 una scalinata strettissima e ripida è stata salita quotidianamente da un dipendente comunale che, dopo cento gradini, entrava nella cosiddetta stanza dell’orologio e si occupava di tirare manualmente la manovella che permette di ricaricarne il meccanismo.

Andato in pensione Giuliano Mannelli, che è stato l’ultimo dipendente a conoscerne l’arte del funzionamento, l’orologio si è fermato. Il marchingegno, infatti, è quello di un orologio a pendolo con due pesi in pietra: uno mette in moto il meccanismo, l’altro fa suonare la campana e l’autonomia è di circa 24-26 ore. Adesso l’orologio potrà ripartire grazie alla collaborazione tra il Comune di Pistoia e la Croce Verde, che sarà ufficializzata nei prossimi giorni con la firma di una convenzione.

Una volta siglato l’accordo Giuliano Mannelli, oggi volontario della Croce Verde, potrà tornare – da volontario – nella stanza dell’orologio per eseguire, prima la necessaria manutenzione degli ingranaggi ed, a seguire, per riattivare l’orologio.

L’orologio di San Zeno. 2
L’orologio di San Zeno. 2

Grazie a tale accordo, l’associazione si impegna ad effettuare quotidianamente, attraverso i suoi volontari, la ricarica del meccanismo dell’orologio e, periodicamente, a curare la manutenzione con utilizzo di materiali che saranno messi a disposizione dal Comune. L’unica lancetta che puntualmente segna le ore sul quadrante del campanile principale tornerà, così, a scandire i tempi della città. La convenzione permetterà anche di assicurare la necessaria trasmissione alle nuove generazioni della conoscenza del meccanismo, affinché alla tradizione venga garantito a lungo un futuro.

La scelta di preservare il meccanismo fu confermata già nel 2001, quando l’Amministrazione approvò il progetto di restauro dell’orologio della torre campanaria. “La scelta progettuale è stata quella di conservare il funzionamento con carica manuale dell’orologio – si legge nella delibera di allora – evitando sistemi di elettrificazione ritenuti di deprezzamento sia economico che di documentazione storica e culturale della macchina che risulta fabbricata nel 1905”.

La forma attuale del quadrante risale invece alla fine dell’Ottocento, quando fu realizzato con la tecnica della scagliola che, attraverso l’uso di un particolare gesso, riproduce finti marmi o intarsi di pietre dure.

L’orologio di San Zeno. 3
L’orologio di San Zeno. 3

Alto 67 metri, il campanile venne probabilmente ultimato alla metà del XIII secolo (alcuni fonti del 998 parlano di un gardingo, cioè una torre di guardia, ubicato in piazza del Duomo, ma gli scavi effettuati in occasione del restauro hanno escluso che quest’ultimo si trovi alla base del campanile) e da sempre è in comproprietà tra la Cattedrale e il Comune che fin dai primi anni aveva collocato un quadrante di orologio per sottolineare la funzione civica dell’edificio.

Per salire all’ultimo livello accessibile della torre occorre percorrere circa 200 gradini, ma la fatica è ripagata dallo straordinario panorama, probabilmente il più bello sulla città.

Il Giardino Volante e il Giardino di Monteoliveto. Grazie alla convenzione appena firmata, la Croce Verde si occuperà anche di aprire, chiudere e prendersi cura di due importanti giardini cittadini, ovvero il Giardino di Monteoliveto e il Giardino Volante. In quest’ultimo, in particolare, il lavoro dell’associazione si affiancherà a quello dei richiedenti asilo che ormai da molti mesi si prendono cura dell’area verde.

Gli operatori dell’associazione dovranno aprire e chiuderei due giardini secondo gli orari vigenti, accertarsi dell’uscita di tutti gli ospiti prima della chiusura dei cancelli e provvedere alla sostituzione dei sacchetti da tutti i cestini, oltre a segnalare prontamente al Comune ogni anomalia riscontrata.

[balloni – comune pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento