IL CANCRO AL SENO NON È SOLO ROBA DA FEMMINE. UNA CAREZZA PUÒ SALVARTI

Oggi pomeriggio un incontro con Stefano Saldarelli. Il cancro al seno visto dal punto di vista maschile è una realtà poco nota, che richiede divulgazione perchè la prevenzione non sia solo “roba da femmine”, e diventi una sana abitudine anche per l’uomo. Si stima infatti, che ogni anno, oltre 500 maschi siano colpiti da carcinoma mammario solo in Italia

La locandina

PRATO.  LILT Prato, nella consueta attività divulgativa svolta sul territorio a favore della prevenzione, giovedì 2 dicembre alle ore 16.30 ospiterà in un incontro pubblico Stefano Saldarelli, concittadino 52enne colpito nel 2018 dalla malattia, con la presentazione della sua autobiografia “Il cancro al seno non è solo roba da femmine. Una carezza può salvarti”, Phasar Edizioni.

Il libro, già in vendita dal 27 ottobre sulle principali piattaforme di shop online e disponibile il giorno della presentazione, racconta con toni lievi ma dettagliati il percorso terapeutico e soprattutto interiore ed emotivo che Stefano, affiancato dalla moglie Antonella e dagli affetti più cari, ha dovuto affrontare facendo i conti con le sue paure, con l’iniziale incredulità e la poca conoscenza della malattia.

“Ho scritto questo libro – spiega Stefano, di mestiere grafico freelance, — nella speranza che conoscenza e comunicazione inducano gli uomini a informarsi, e a tante altre mogli, mamme, sorelle a coinvolgere i loro uomini in questo percorso, per non trascurare sintomi e rischi”.

L’incontro sarà moderato dal giornalista pratese Vezio Trifoni. Oltre all’autore, interverranno Alessandro Battaglia, Chirurgo Senologo presso l’Ospedale Santo Stefano di Prato nella doppia veste di medico che operò Stefano e di curatore della prefazione del volume, Antonella Manganelli, moglie di Stefano, che scoprì per prima il nodulo sospetto del marito e Francesco Bolognini, fotografo e amico del protagonista che ha curato le immagini del progetto. Aprirà la serata Roberto Benelli, Presidente Lilt Prato.

L’evento si terrà alla LILT di Prato in Via Giuseppe Catani, 26 in ottemperanza alle misure anti covid in vigore e limitatamente ad una capienza della sala di 40 persone.

L’obiettivo dell’appuntamento è aprire un’importante finestra su questa patologia, osservata, per una volta, dal punto di vista maschile e per ricordare quanto la prevenzione con la diagnosi precoce siano le più importanti armi a disposizione oggi per sconfiggere il cancro in ogni sua forma.

https://stefanosaldarelli.com/

[piovesana – mediamover]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email