IL FUTURO DELLA VALDINIEVOLE? QUATTRO GRANDI COMUNI

«Io credo che territori che hanno già una forte continuità sul piano sociale, economico e culturale si prestino a un immediato processo di fusione»
Massimo Baldi
Massimo Baldi

PISTOIA-VALDINIEVOLE. Si è finalmente aperto un forte dibattito sull’assetto istituzionale del nostro territorio, in particolare della Valdinievole. Si va da chi pensa che si debba costituire un maxi-comune unico, a chi propone soluzioni intermedie, fino a chi invece, invocando premura e cautela, tradisce il desiderio che tutto resti esattamente com’è. Davvero poco appassionante è inoltre la contrapposizione tra unione e fusione, posta come un antitesi concettuale svuotata di ogni contenuto e portata avanti come se i cittadini non esistessero. Questo non è nelle cose.

Io credo che territori che hanno già una forte continuità sul piano sociale, economico e culturale si prestino a un immediato processo di fusione, mentre territori contigui che mantengono ancora delle significative differenze gioverebbero di più del passaggio intermedio dell’unione, da intendersi comunque non come semplice condivisione di servizi e piattaforma per più vantaggiose economie di scala, ma come soggetto politico capace di avere un ruolo strategico e di attrarre risorse nel quadro regionale.

Che si parli di unione o di fusione, l’importante a mio avviso è semplificare il quadro e prepararsi allo scenario in cui ci troveremo dopo la definitiva abolizione delle province, continuando però a porre la questione della rappresentanza dei territori e del federalismo locale, che devono essere garantiti. Dal piatto, inoltre, vanno tolte le ipotesi, entrambe insostenibili, del maxi-comune e del lasciare tutto com’è.

Io penso che in Valdinievole siano identificabili quattro aree: quelle prossime alle tre città più grandi (Montecatini, Monsummano e Pescia) e la Valdinievole nordoccidentale, rappresentata dai comuni di Buggiano e Uzzano, cui forse per ragioni storiche e culturali va aggiunto quello di Ponte Buggianese. Ognuna di queste aree ha le proprie specificità, soprattutto dal punto di vista economico, oltre a una continuità territoriale interna.

La prospettiva, per il futuro, è quella di riorganizzare la Valdinievole in quattro grandi comuni, una prospettiva da realizzarsi attraverso gli strumenti dell’unione e della fusione, scegliendo con criterio quale adottare e coinvolgendo il più possibile la cittadinanza, cui spetta un diritto di autodeterminazione inalienabile. Servono soluzioni incisive e nel contempo sostenibili e funzionali. E questa dei quattro comuni mi pare la migliore.

L’auspicio è che il Partito Democratico, che ha l’onere di governare in quasi tutti i comuni della Valdinievole, faccia propria una soluzione del genere di quella che prospetto, ferma restando l’autonomia delle amministrazioni.

Massimo Baldi
Segreteria Provinciale Pd Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento