IL M5S BUGGIANO SULLA TASI

Buggiano Castello
Buggiano Castello

BUGGIANO. Nel novero del gran numero di imposizioni fiscali che il cittadino deve all’erario, adesso arriva anche la Tasi. Questa tassa non è che lo strumento fornito ai comuni per introitare, sotto altro nome, l’Imu sulle prime abitazioni: la nostra convinzione è che i cittadini vadano tutelati e non ingannati! Occorre governare con trasparenza, la strada giusta non è quella di soffocare il popolo con le tasse. Inoltre la prima casa è un bene sacro.

Le tasse in questione hanno, per di più, subìto aumenti gravosi per i cittadini, già in difficoltà purtroppo a causa della perdita del lavoro e delle continue vessazioni da parte dello stato che oltretutto non assicura assistenza gratuita nemmeno nei servizi più indispensabili come la sanità e la scuola. Alcune amministrazioni in Italia hanno rifiutato l’applicazione della Tasi a case, negozi ed imprese, schierandosi in maniera aperta e decisa dalla parte della cittadinanza.

Questo è stato possibile perché hanno chiuso il bilancio 2013 con un avanzo. Nell’amministrazione del comune di Buggiano, in passato, sono state fatte scelte sicuramente non lungimiranti. Le scelte del fare, fare, fare… e apparire. Per questo sono stati messi in moto diversi mutui, dei quali non è stato chiesto parere alla comunità. Mutui che pagheremo per i prossimi 20 anni. Anche se viene dichiarato che il debito del comune di Buggiano non è cresciuto, per il cittadino i debiti sono anche i mutui. Alla fine è sempre lui che paga.

Senza tutti questi debiti da pagare, l’amministrazione avrebbe potuto contenere le tariffe di queste prossime tasse o addirittura eliminarle, come sta avvenendo in altri comuni. Sappiamo che questa situazione non è stata creata da questa nuova giunta, ma molti di loro facevano parte della precedente e quindi ne hanno votato l’operato. Le scelte fatte in passato riteniamo siamo state fatte con superficialità e senza un minimo di previsione per la tutela delle famiglie. Data la situazione, i Cinque Stelle chiedono alla giunta e all’opposizione di procedere, da qui in avanti, valutando attentamente e con parsimonia ogni tipo di investimento, contratto, iniziativa, optando, pur nella qualità, sempre verso scelte che permettano di risparmiare, operando in modo lungimirante.

La situazione che ci aspetta non lascia affatto tranquilli, quindi siamo chiamati tutti a porci oltremodo attenti, facendo scelte dettate sempre dalla necessità della collettività. A tale scopo, quando possibile, è giusto coinvolgere la popolazione nelle scelte per il paese, che spesso hanno importanti ripercussioni vita quotidiana di tutti, mettendo in atto, per le questioni più importanti, i referendum consultivi che fanno già parte dello statuto del comune di Buggiano.

Il cittadino ha diritto di scegliere se ha priorità la realizzazione di una rotonda o di un parcheggio o altro piuttosto che, con gli stessi soldi, godere di un servizio in più o di agevolazioni. Se dobbiamo essere comunità, dobbiamo essere famiglia… e nelle famiglie, ricordiamocelo, quando si decide di risparmiare si fanno rinunce… e si sta attenti a tutti soldini che escono! È un invito alla parsimonia e a ridurre gli sprechi.

Nella seduta del C.C. del giorno 8 settembre, il Movimento 5 stelle ha chiesto di ritirare e rivedere le aliquote.

Movimento 5 Stelle in Valdinievole

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento