IL PIOT DI SAN MARCELLO DIVENTA ESPORTABILE

Piot Pacini di San Marcello P.se
Piot Pacini di San Marcello

PISTOIA. Diventa un modello di integrazione tra cure territoriali e ospedaliere potenzialmente esportabile il Piot – presidio integrato ospedale territorio – di San Marcello della Ausl3 di Pistoia.

Domani una delegazione dell’Azienda Sanitaria Unica della Valle d’Aosta farà visita alla struttura della Montagna per prendere diretta conoscenza di una realtà che potrà essere replicata anche nella regione autonoma valdostana.

Al termine del sopralluogo, al quale sarà presente anche il Sindaco di San Marcello Silvia Cormio, alle ore 12:30 la direzione aziendale della Ausl3 e la delegazione della Ausl di Aosta incontreranno i giornalisti in una conferenza stampa per illustrare gli aspetti organizzativi del Piot che hanno suscitato maggiore interesse e attenzione.

La conferenza stampa avrà luogo nella sala riunioni al piano terra della Palazzina adiacente al Piot.

[scritto da daniela ponticelli, giovedì 8 gennaio 2015 – ore 15:00]

 

BECCHI E BASTONATI

 

Umanizzazione totale
Umanizzazione totale

POVERI MONTANARI di San Marcello e insù! Oltre al danno, la beffa. Ora arrivano anche i francofoni della Val d’Aosta per imparare l’arte – e importarla a parte… – in modo da fare contenti tanti bravi valligiani delle Alpi, abituati a respirare aria balsamica e effluvii di nepitella – magari associati a un po’ di insuperabile Genepì.

Peccato che non si sappia con adeguata chiarezza in che modo i signori della Grolla e della Fontina siano venuti a conoscenza di questo mirabile miracolo del Piot, realizzato – a dispetto dei fanti e dei santi – dal dottor Abati, emissario di S.E. il Granduca di Toscana Enrico Rossi, al centro degli scandali degli ammanchi nelle varie Asl (da quella di Massa – 420 milioni di € – in giù) e delle intercettazioni che illustrano il sistema in voga nella Regione di Dante per accaparrarsi più risorse romane manipolando i pareggi di bilancio delle aziende sanitarie.

Ma si vede che, come il prete fa diventare santa l’acqua con un pizzico di sale, così la Regione Toscana fa diventare beata una sanità che, da qualche anno a questa parte, sta mettendo a dura prova la sicurezza e la vita stessa dei cittadini.

Ancora altre domande sorgono spontanee: lo sapranno, i valdostani, che a Pistoia esiste anche un altro mirabile esempio di struttura sanitaria incarnato nel grande e bello e «nuovo di pacca» – come qualcuno lo ha recentemente definito – ospedale San Jacopo, più noto come «canotto/gommone» dal momento che, sempre per volontà del Granduca Enrico, è stato eretto, come una piramide, in un’area ad alto rischio idraulico (subalveo dell’Ombrone Pistoiese) tanto che, per scrupolo, si sta cercando di costruire una diga d’argine di 80 metri in località Laghi Primavera, opera che costerà ben 17 milioni euro? E se poi tale «muraglia cinese» (così viene comunemente chiamata con senso ironico) finisse come il ponte siciliano che è durato pochi giorni…? Verrà Rossi a fare opera di manovalanza per riadattare l’opera?

«Nessun problema» ci risponderanno dalla velineria dell’Asl 3. L’essenziale è che il nuovo San Jacopo sia perfettamente “umanizzato” (vedi). Non importa che tutto sia garantito quanto a risultati sanitari: l’essenziale sarà organizzare canti, suoni, balli, musica e tante letture in ospedale.

Magari, visto che di umanizzazione s’ha da parlare, apriamo anche – sempre al nuovo ospedale – un negozio di pedicure: perché, con le unghie rifatte e i calli rasati, magari i degenti e i parenti in visita correranno meglio se, un giorno, l’Ombrone desse di fuori e arrivasse l’acqua a impossessarsi del… canotto/gommone.

In Toscana si dice: becchi e bastonati. E in Val d’Aosta…?

e.b.

P.S. – Non fateci del male, per favore. Lo sappiamo di non piacervi punto, ma stiamo solo  facendo satira.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “IL PIOT DI SAN MARCELLO DIVENTA ESPORTABILE

  1. Io non vorrei”scrivere sempre contro”come dice la sindaca,ma mi devo porre una domanda:qualche mese fa incominciò a dire che le promesse dell’Asl non erano state mantenute e scrisse una lettera che approvata in consiglio comunale,per denunciare le mancate promesse,io già allora dissi che veniva fatto perché siamo in vicinanza di elezioni(regionali),però volendo credere alla buona fede,oggi guida un tour valdostano per mostrare l’eccellenza del PIOT di San Marcello Pistoiese? Penso ci sia un limite alle prese per il… che ci può propinare!

Lascia un commento