IL RISCALDAMENTO DI CASA ACCESO NON PIÙ DI DIECI ORE

riscaldamento_termosifoneAGLIANA. I sindaci di Agliana, Montale, Montemurlo e Quarrata in modo congiunto hanno rilevato la necessità di intraprendere provvedimenti per il periodo invernale allo scopo di ridurre le fonti emissive di Pm 10 legate all’accensione del riscaldamento nelle civile abitazioni, nei locali di pubblica utilità.

Per questo motivo il Sindaco ha emesso un’ordinanza in data 18 novembre che dispone con decorrenza immediata dalla data di emissione della presente ordinanza e fino al 31.12.2014, sull’intero territorio comunale:

1. la riduzione del periodo giornaliero di funzionamento degli impianti di riscaldamento che potranno rimanere in funzione al massimo per 10 ore giornaliere. Sono esclusi impianti installati in edifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura, compresi edifici adibiti a ricovero o cura di minori o anziani, scuole e asili;

2. la temperatura dell’aria dei singoli ambienti ed edifici per tutti gli impianti di riscaldamento non potrà superare i 18° C (diciotto gradi Celsius), con esclusione degli impianti installati in edifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura.

[comune agliana]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “IL RISCALDAMENTO DI CASA ACCESO NON PIÙ DI DIECI ORE

  1. Ma perché non spengono l’inceneritore per diminuire le pm 10? Invece dobbiamo tenere la casa a una temperatura di massimo 18° con dei bambini piccoli che hanno la febbre! Come sempre il cittadino davanti a tutto! Si fa per dire… mi auguro che alla prossima tornata elettorale i quarratini tornino alle urne, votino chi vogliono, ma tornino alle urne.

    Tommaso Pieragnoli (da fb)

Lascia un commento