IL SARCOFAGO & IL SONNO: QUANDO LA MERDA TRABOCCA

Come avevamo preannunciato, “Il Fatto Quotidiano” ha affrontato il caso-Laing/Bartoli. Partito il pettegolezzo su facebook, il Professore (non) commenta…Domani, forse, il testo della telefonata?
Il Fatto Quotidiano, 16 aprile 2015
Il Fatto Quotidiano, 16 aprile 2015

PISTOIA. Come volevasi dimostrare (vedi), oggi Il Fatto Quotidiano ha fatto quello che noi avevamo preannunciato ieri in questa “provincia-sarcofago in sonno”: ha iniziato a scoprire l’avello della politica e a mostrare quel che c’era sotto, vale a dire un vero e proprio traboccare di merda.

Non amiamo né facebook né tweetter: li definiamo  anche qui – e non è la prima volta – non dei social, ma dei troial-network. Vi finisce (ed è una nostra opinione, perciò indiscutibile) solo il pettegolezzo della gora, il sudiciaio della strada e il peggio del peggio che si possa immaginare.

A volte c’è da domandarsi come avrebbero potuto far questo gente seria, filosofi canonici come Platone o Aristotele o anche – molto più semplicemente, ma non meno autorevolmente – Epicuro, forse il più serio e il meno capito di tutti, pur se alla base del pensiero di Marx.

Il Fatto ha tolto il tappo, la làpida (come dicevano i pistoiesi di un tempo) del bottino, ed ecco il ribollimento, là sotto: con il suo odore. Tutto. E su Facebook, ci dicono, una pentola a pressione: ma quando la pentola entra in pressione, lo fa sempre e solo perché la materia che c’è dentro (e che nel sarcofago-Pistoia è in sonno: nascosta, tamponata e compressa) è lì lì per raggiungere la cosiddetta massa critica; quella pronta per lo scoppio.

Ecco. Ora ricordate cosa dicevamo ieri, quando invitavamo Il Fatto con l’esclamazione Avanti, Savoia!

E se ieri abbiamo detto che oggi ci sarebbero state novità, oggi aggiungiamo che domani potrebbe essere l’ora della sbobinatura integrale della famosa telefonata che, a questo punto, è venuta dal professor Bartoli: lo stesso esponente Pd per il quale Simona Laing, quando ci fu la campagna elettorale per il Sindaco di Pistoia, si spese senza riserve.

Stamani Bartoli ci ha inviato questa nota stampa:

Quanto uscito stamani su “Il Fatto Quotidiano” non merita alcun commento. Si dà notizia di una conversazione politica, peraltro registrata a mia insaputa, che non contiene alcuna minaccia o ingiuria. Chi ha montato tutto questo, se ritiene che ci siano gli estremi, vada in Procura della Repubblica. Io dormo sonni tranquillissimi. Capisco il rammarico per non aver ottenuto una cosa che si voleva tanto. Capisco poco le vendette nei miei confronti quando il 95% della direzione ha votato la composizione della lista. Ci avevo visto molto bene a non voler sostenere quella candidatura.

Roberto Bartoli

Siamo troppo corretti e liberi (da veri non-pistoiesi) per ignorare qualsiasi nota da qualsiasi parte venga.

E tuttavia – ce lo impone una professione che noi facciamo sul serio e davvero: e lo dimostriamo ogni giorno in questo “sarcofago in sonno” – dobbiamo chiedere a Roberto Bartoli, ordinario di diritto penale a Firenze, e gliene chiediamo una risposta che è dovuta, cosa intende dire quando scrive «peraltro registrata a mia insaputa»:

  • è illecito registrare una telefonata fra due persone?
  • è un reato?
  • o non lo è?
  • e se non lo è, perché queste sue 5 parole suggestive?

Per ora – come disse Jagoda a un suo amico che la stava riaccompagnando a casa a Portorose, lungo il mare, di notte – ci fermiamo qui…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

4 thoughts on “IL SARCOFAGO & IL SONNO: QUANDO LA MERDA TRABOCCA

  1. Certo anche chi utilizza artatamente delle telefonate, non mi sembra rappresenti esattamente il nuovo che avanza. Tanto più se si riveste un importante ruolo di dirigente pubblico.

  2. E invece è stato bene che questa telefonata sia stata registrata e diffusa, dirigente pubblico o non dirigente pubblico. Altrimenti proseguirà imperterrito (anzi, temo che prosegua comunque), tutto il porcaio che vediamo, e quello che non vediamo.
    Piero

  3. Il sig. Bartoli , docente di diritto penale a Firenze, parla di lealtà’?????
    Cosa c’è di leale nel sostenere la candidatura di una persona sotto indagine da parte della magistratura??? Dove è’ la lealtà nei confronti di quelle persone che dovrebbero essere rappresentate da questi personaggi ??? Non sarebbe più leale prima risolvere i problemi con la giustizia e poi candidarsi ???
    Veramente siete senza ritegno!!!!!!

Lascia un commento