IL SENTIERO D’ITALIA, IL PIÙ LUNGO TREKKING AL MONDO

L’autostrada verde è lunga 6880 km e attraversa l’intera penisola tra valli foreste e borghi. A maggio sarà percorsa da tre intraprendenti giovani che passeranno anche dalla Montagna Pistoiese
Crinale e sentiero 00

MONTAGNA PISTOIESE. Con ben 6880 km di sentieri è il percorso trekking più lungo mondo.

Non è né sulla catena dell’ Himalaya né sulla cordigliera delle Ande, ma, per lo più di sviluppa, sui modesti, ma solo per altitudine, Appennini e sulle non meno invidiabili Alpi.

È il Sentiero d’Italia, realizzato dal Club Alpino Italiano tra 1983 e il 2005.

Attraversa lo Stivale da est ad ovest e da nord a sud.

Suddiviso in 368 tappe, tocca: 6 siti Unesco, 20 regioni e oltre 350 comuni, con un dislivello complessivo di oltre 350 mila metri.

Numeri impressionanti che non scoraggiano tre ragazzi che a maggio di quest’anno percorreranno l’autostrada verde d’Italia.

Yuri, Giacomo e Sara, il nome dei tre giovani accomunati dalla passione per il viaggio e per la montagna, percorreranno il sentiero partendo da Muggia, in provincia di Trieste e arriveranno, dopo 9 mesi di cammino, o come dicono loro un anno di scuola di montagna, a Santa Teresa di Gallura, in Sardegna.

L’intento è quello di richiamare l’attenzione pubblica sull’esistenza di questo tesoro e sulla necessità di tutelarlo, nell’anno, non a caso, dedicato al turismo lento.

Allo scopo hanno dato vita nella primavera del 2017 all’ Associazione Va’ Sentiero, qui il sito web: https://vasentiero.org, dove è possibile reperire ulteriori informazioni ed aderire al progetto come sostenitori o camminatori.

Sentiero d’Italia

L’esperienza è infatti aperta a tutti, con la possibilità di partecipare, previa iscrizione, ad una o più tappe del percorso e andare alla scoperta delle terre alte italiane.

Anche la Montagna Pistoiese vedrà transitare gli intraprendenti ragazzi che passo dopo passo, da quello di Annibale a quello della Collina Pistoiese, dal Lago Nero al Lago Scaffaiolo, dall’Alpe Tre Potenze a Punta Crina, giungeranno, non senza esser passati dall’Abetone, a Pracchia, sul sentiero di crinale che divide bolognese e modenese dal pistoiese.

Una tabella di marcia con i principali punti di riferimento, utile per programmare le escursioni sull’Appennino tosco-emiliano, è consultabile al seguente link: http://enrosadira.it/sentieroitalia/toscana.htm.

Un’idea e un progetto interessante che potrebbero accendere i riflettori sulla Montagna e sulle opportunità di sviluppo che il territorio può offrire.

[Marco Ferrari]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento