IL SINDACO BELLANDI IN SPAGNA AL CONGRESSO SU ACQUA E TERMALISMO

Come presidente di Ehtta ha tenuto un discorso sull’importanza strategica dell’associazione e sugli obiettivi futuri
Il sindaco Bellandi al congresso
Il Sindaco Bellandi al congresso

MONTECATINI. Da questa mattina il Sindaco Giuseppe Bellandi è a Ourense, in Galizia (Spagna) per il primo congresso internazionale sull’acqua e sul termalismo, organizzato da Termatalia, fiera internazionale di turismo termale, salute e benessere.

Bellandi, come presidente di Ehtta, l’associazione dei comuni termali europei, tra i quali ovviamente Montecatini (assieme alle italiane Fiuggi, Acqui e Salsomaggiore) ha tenuto un discorso sull’importanza strategica di Ehtta e sugli obiettivi futuri dell’associazione, per promuovere al meglio la rete e di conseguenza la nostra città nel mondo.

«La rete europea di Ehtta è stata creata nel 2009 e a oggi coinvolge 30 città termali che possiedono un patrimonio architettonico significativo, per la loro storia, tradizione, ambiente, salute, benessere e tempo libero dei visitatori – ha detto il sindaco nel suo discorso – I membri di Ehtta si sono uniti al fine di attuare una politica di sviluppo turistico, sulla base di una strategia di promozione del patrimonio culturale. Noi crediamo che il patrimonio termale europeo meriti di essere meglio conosciuto. Ehtta è un’associazione senza scopo di lucro fondata sulla necessità di incoraggiare, tutelare e valorizzare il patrimonio termale, artistico e culturale in tutta Europa.

Itinerari culturali europei. Il riconoscimento di Ehtta come itinerario culturale del Consiglio d’Europa segna il punto di partenza per continuare a svolgere il nostro lavoro. Esso rappresenta, anche, una grande opportunità per lo sviluppo dei territori “minori” e il turismo sostenibile, la creazione di importanti economie sostenibili che possono favorire l’occupazione, il benessere e la crescita.

Nel quadro del programma degli itinerari culturali del Consiglio d’Europa, sarà rafforzata la cooperazione con altri percorsi culturali, per creare un nuovo tipo di prodotto transnazionale comune. Un buon esempio di questo approccio è rappresentato dal progetto WeSpa, presentato alla Commissione Europea nel 2014 e ri-lanciato nel 2015. Via Francigena e Iter Vitis sono partner attivi nel Consorzio. Ourense è un esempio perfetto per sottolineare questo crocevia di itinerari culturali come Cammino di Santiago e città termali.

Una fase del congresso
Una fase del congresso

4 categorie a cui estendere il settore del turismo. Negli ultimi anni, in tutta Europa, il valore e l’importanza del termalismo è cresciuto in modo esponenziale e sta diventando un settore turistico molto fiorente. La Commissione Europea sostiene attivamente numerose iniziative, legate allo sviluppo del settore termale in tutti i paesi d’Europa, in quanto, i dati, recenti, sottolineano la sua espansione e il suo allargamento a tutte le fasce d’età. Ci sono quattro categorie in cui si cercherà di estendere il settore del turismo e dei benefici delle acque termali: 1) i giovani tra i 18 ei 30 anni, 2) I senior, 3) le persone con disabilità, e, infine, 4) le famiglie con basso reddito, in modo che non rinuncino a una breve pausa di relax.

Dichiarazione politica. I membri di Ehtta credono nella dichiarazione politica (che rappresenta una pietra miliare di questa nuova fase della nostra rete) rilasciata ufficialmente, a Bruxelles il 15 aprile 2015, al Parlamento Europeo: “Vogliamo solennemente affermare che le città storiche termali – ha concluso il sindaco Bellandi –, con il loro importante ruolo storico relativo alle prime esperienze di politiche di sanità/benessere, hanno portato alla creazione di luoghi di aggregazione e di intrattenimento dalla nascita del turismo moderno, all’innovazione costante introdotta nella medicina alternativa, al loro ruolo essenziale nella risposta alle necessità di benessere delle generazioni più anziane, in luoghi sperimentali in materia di inclusione sociale e di sviluppo sostenibile”.

Inoltre, la motivazione di questa lunga e rilevante storia, ora sono un motore essenziale per la politica europea di Horizon 2020; per questo vogliono impegnarsi maggiormente insieme in un piano di sviluppo integrato, con il Parlamento Europeo, la Commissione Europea e il Consiglio d’Europa, che collega le politiche volontarie di cooperazione culturale legate al dialogo interculturale, dello sviluppo turismo culturale sostenibile e di sanità pubblica relative al ricambio generazionale.
Essi contribuiranno, grazie alla loro esperienza e alle loro esperienze storiche, in modo volontario, per sviluppare un piano di politica coerente, volto a una politica di innovazione integrata e di dialogo, avendo come obiettivo principale lo sviluppo economico in un ambiente protetto e benessere accessibile a tutti».

[baccellini – comune montecatini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento