immigrati. CHITI: «CHI PREDICA ODIO CONTRIBUISCE ALLA DISSOLUZIONE DELLA SOCIETÀ»

Solidarietà a don Massimo Biancalani e don Alessandro Carmignani
Vannino Chiti
Vannino Chiti

PISTOIA. “A don Massimo Biancalani e don Alessandro Carmignani, parroci di Vicofaro e Marliana in provincia di Pistoia, voglio porgere la mia piena solidarietà per gli atti intimidatori che hanno subito. È un fatto inaccettabile da respingere con sdegno”. Lo afferma il senatore del Pd Vannino Chiti.

“Hanno ricevuto insulti e minacce – aggiunge Chiti – perché, mettendo in pratica il messaggio di Papa Francesco, hanno offerto gli spazi della parrocchia agli immigrati musulmani per la loro preghiera. Senza entrare nel merito della scelta, che non compete certo a me, è fuor di dubbio che sia un atto mosso da solidarietà, fratellanza e integrazione, principi che dovrebbero caratterizzare la vita quotidiana di tutti noi. Chi predica odio e intolleranza tradisce non solo il messaggio evangelico ma i valori fondamentali della civiltà e della convivenza, contribuendo così alla dissoluzione della nostra società”.

[comunicato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

5 thoughts on “immigrati. CHITI: «CHI PREDICA ODIO CONTRIBUISCE ALLA DISSOLUZIONE DELLA SOCIETÀ»

  1. Buon giorno, più che altro non mi sembra il caso di intromettersi in faccende di chiesa specie quando ogni tanto capita che agisca conformemente alla testimonianza che Gesù ci ha lasciato. Essere Cristiani cari i miei devoti frequentatori di chiese, non significa andare a messa la domenica e basta. Detto questo Senatore Chiti, se magari, ogni tanto ci ricordassimo che abbiamo delle frontiere e ci ricordassimo che esistono delle leggi laiche in base alle quali i matrimoni basati sulla sharia, l’infibulazione delle bambine, la segregazione delle donne non sono ammesse, e quindi le sanzionassimo adeguatamente e quindi riaccopagnassimo al loro paese i predicatori di odio…..insomma avessimo memoria e coscienza di ciò che siamo….magari sarebbe meglio e più realistico. Questa gente non è stata fomentata solo dalle leghe varie, ma anche e sopratutto dall’insipienza dimostrata in questi decenni. E mi spiace…ma c’era anche Lei. La gente ora ha paura: Bruxelles è messa a ferro e fuoco e non ce la possiamo più cavare a buon mercato.
    Massimo Scalas

  2. La vicenda ha avuto eco nazionale. L’hanno saputo anche in Piemonte dove il Sig. Vannino Chiti esercita il suo mestiere di politicante……..
    Ma questo Signore non era un marxista che prOPugnava il principio della religione oppio dei popoli? Cosa viene ad impicciarsi delle cose pistoiesi? Devolverà un poco dei nostri soldi che a fine mese diventano suoi ai profughi di questi due pretini barricaderi?
    Ma vada a nanna, il Chiti e la sue falce e martello arrugginita!

  3. A Chiti, ricordo di dare spiegazioni di quando erra presidente della regione toscana, fornisco alcuni spunti:

    • Assicurazioni … Valerio Veltroni … fallimenti e finaziamenti, regione toscana, Monte dei Paschi Siena … Guendalina Ponti e Cecchi Gori …

    A sempre appartenuto a un partito che predicava, denigrazione dell’avversario e odio come fare colazione … Oggi contribuisce alla dissoluzione di una società ultra millenaria alla cancellazione del 40% dei 10 comandamenti. In futuro, “ONORA IL PADTRE E LA MADRE” cosa ci mettiamo …
    Non mi risulta abbiamo ricevuto insulti e minacce i due preti che, oltretutto non posso definire tali, se si vergognano di portare l’emblema della croce … Come dice Papa Francesco, portate un piccolo vangelo in tasca.

    Comunque mi informerò e valuterò il contesto …

    Chiedo a Biancalani e Carmignani, essendo giornalista, di completare una domanda fatta a suo tempo da un collega a Papa Francesco:

    SE UNO OFFENDESSE SUA MADRE COME REAGIREBBE.

    Prontamente il Papa rispose:

    Facendo il gesto, gli darei un cazzotto.

    Il giornalista si dimenticò di fare una domanda successiva che io avrei fatto:

    SE INVECE DI UN’OFFESA, L’AVESSE MALTRATTATA, SEVIZIATA, FATTO VIOLENZA … QUALE SAREBBE STATA LA SUA REAZIONE?

    Spero che voi o qualcuno risponda, tengo a precisare che non uso offendere nessuno …

    Pier

    1. Pier, buongiorno…le rispondo io che come avrà letto qui e altrove non sono un fan del senatore. Penso alcune cose.
      – da non frequentatore di chiese, da cui mi tengo alla larga perchè son prevalentemente frequentate da gente che si professa cristiana, ma poi spesso fa le peggio cose, penso che in questo caso i due preti non fanno altro che applicare gli insegnamenti di Gesù, che non disdegnava nessuno, nemmeno i suoi carnefici. lei che mi pare un cattolico praticante dovrebbe saperlo bene così come dovrebbe sapere che l’ordine pubblico non è affare della Chiesa ma dello Stato
      – penso che lei, con tutto il rispetto, faccia confusione tra immigrati e delinquente, così come nei primi del 900 in USA facevano confusione tra italiano e mafioso. Bisognerebbe fare lo sforzo razionale di distinguere, anche perchè sennò il rischio è di marchiare tutti gli immigrati come violentatori e terroristi o al contrario, di accaogliere di tutto e di più. Perchè non vi è alcun dubbio che la situazione in cui ci troviamo ora è dovuta proprio a questa mancata volontà politica di operare distinzioni.
      – d’altro canto, come ho spiegato nel mio articolo economico, abbiamo assoluta necessità di un’immigrazione (ovviamente controllata) che garantisca il mantenimento delle nostre pensioni. Per farne a meno gli italiani dovrebbero fare almeno 2, ma preferibilmente 3 figli a coppia per i prossimi 20 anni. Invece, gli italiani, tutti cattolici e devoti a Padre Pio, preferiscono avere almeno 2 pc in casa, la TV fullHD, un auto a testa, le vacanze almeno due volte l’anno e un paio di smartphone a testa….salvo dire che non fanno figli causa povertà. Strano però, le famiglie tra le due guerre mondiali erano fatte da 5-6-10 fratelli…
      – quindi se è vero come è vero che ci servono, sarà meglio integrarli o ghettizzarli come hanno fatto i francesi e i belgi, creando un formidabile substrato di fiancheggiatori? Certo integrazione deve essere il rispetto delle nostre leggi in tutto e per tutto, ma deve essere anche pietà e spirito cristiano che non necessariamente coincide con la messa domenicale. Sennò me lo spiega che differenza c’è tra noi e quelli che non ti permettono di pregare sul loro territorio islamico?

  4. Detto da chi ha contribuito a dissolvere l’Italia in tutti questi hanno senza aver fatto un ‘emerita minchia x invertire la rotta, fa sorridere e incazzare allo stesso tempo…. Perché non prende e insieme ai due preti vanno un po’ a raccontare tutte ste cavolate in Belgio??????? Ridicoli

Lascia un commento