IMPARIAMO A FARE E A NON LAMENTARCI

Fermiamoci un momento a riflettere...
Fermiamoci un momento a riflettere…

PISTOIA. Dice: “Quel che manca oggigiorno, tra le altre cose, è chi sa farci appassionare, immaginare, sognare. Allo sport, alla vita”.

Può essere: ci sono sempre più dottori, sapientoni, ma meno maestri, sapienti. Tutti vogliono insegnare, ma non hanno tempo per imparare. Tutti a parlare, pochi pochissimi ad ascoltare.

Dice: “Non ci sono più gli allenatori/educatori di una volta”. Può essere: in effetti è sempre più difficile rintracciare a giro, per le società di Pistoia e provincia, allenatori/educatori alla stregua di Renzo Corsini, il deus ex machina dell’Avanguardia, o dei compianti Roberto Del Coro, l’uomo dell’atletica leggera, e Brunero Tuci, alias Bruschino, calcio e Giostra dell’Orso quando la giostra era una cosa seria.

Il tempo brucia troppo in fretta sul campo a crescere i virgulti, si ha quasi l’impressione di perderlo a starci e ci si perde in mille rivoli.

Dice: “La società, questa società è peggiorata”. Probabile, ma finché non faremo nulla per migliorarla, cambiarla, non potrà che essere così. È da generazioni che sentiamo questa tiritera, ma è dallo stesso tempo che siamo inerti. E ci appassioniamo all’elezione dell’omino del Colle – anche battendoci virtualmente, sui social network (è meglio quello, no l’altro) invece di immergersi nella lettura di un buon libro.

Anche per sognare bisogna fare qualche piccolo sacrificio.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento