in iudiciary we trust. QUANDO GLI AVVOCATI ARRIVANO IN AULA MA SOLO DOPO ESSERSI FERMATI UN PO’ TROPPO AL BAR…

Domanda di un avvocato in aula Signorelli, a Pistoia, oggi 30 novembre 2021: «Scusi, signor imputato, ma lei… per quale partito vota?». Siete tutti pregati di annotarvi la data a futura memoria



 

CHIESE L’AVV. CON GRANDE ORGOGLIO:

« PER CHI VOTA LEI, BERGOGLIO? »

 


 

Una Costituzione scritta col sangue e lapidata da tutti a iniziare dalle «autorità costituite» che troppo spesso fanno come gli pare

 

A PARTE l’arroganza di non pochi di loro nel porre le domande con un sussiego degno di miglior causa per cui tanto meno sanno di un argomento su cui non si sono preparati a dovere, tanto più incalzano facendo, ovviamente, incazzare gli interrogati: stessa dose per maschi, femmine e neutri; a parte l’arroganza, ormai si arriva a dei livelli che mai e poi mai avrei potuto credere di poter vedere nella mia vita di quasi trapassato, come direbbe Feltri.

Oggi, per esempio, un nobile rappresentate di questa sussiegosa categoria avvocatizia, a un imputato sotto interrogatorio ha avuto l’ardire di chiedere a che schieramento politico apparteneva, semplificando: ma lei per chi vota?

Al destino che vien, rassegnarsi convien…

Che fegato! In aula si è notato un accesso di epigastralgìa generalizzata, dovuta non come sostiene nelle sue più o meno stupide accuse il sindachino di Agliana Luca Benesperi, a minacce, estorsioni o violenze private che noi di Linea Libera gli avremmo fatto; ma all’indignazione indistinta di tutti, tranne, ovviamente, il suo assistito – un noto politico anch’egli pieno di roboante superbia – che era parte offesa: la gente, infatti, si sceglie avvocati simili a sé come accade anche per padroni e cani.

Ma non c’è da meravigliarsi se gli avvocati non sanno cos’è la Costituzione: è molto peggio che non lo sappiano neppure i giudici, che ce ne danno spesso prova – o altrimenti non metterebbero in piedi processi sgangherati quando, prima di andare in aula e vedere sfarinarsi tutto, basterebbe che si leggessero i documenti loro presentati ed esibiti. Cosa che non fanno quasi mai: ergo o non sanno leggere o non vogliono leggere.

Tanto paga il popolo, vero?

Edoardo Bianchini
[direttore@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email