IN MILLE ALLA “VITA AGRA DEL DOTTOR F.”

Incontro con gli studenti.La vitta agra del Dott. F.
Incontro con gli studenti. La vitta agra del Dott. F.

PISTOIA. Sono più di mille gli studenti e i docenti delle scuole medie superiori di Pistoia e provincia che stanno assistendo in questa settimana alle quattro recite scolastiche (al Teatro Pacini di Pescia, Teatro Montand Monsummano Terme e Teatro Manzoni Pistoia) dello spettacolo Vita agra del Dott. F. previste dalla XVII edizione del Progetto “A scuola di teatro”, promossa da Provincia di Pistoia e Associazione Teatrale Pistoiese. Una conferma del seguito che il progetto di orientamento e formazione ai linguaggi teatrali ha trovato, nel corso degli anni, da parte delle scuole superiori.

Lo spettacolo, scritto da Gianni Farina ed Angelo Romagnoli, andrà anche in scena alle 21 domani,venerdì 6 febbraio, al Teatro Manzoni di Pistoia, quale appuntamento conclusivo del Progetto Bianciardi.

Incontro con gli studenti. La vita agra del Dott. F.
Incontro con gli studenti. La vita agra del Dott. F.

“Al centro del testo – spiegano i due autori – vi è la storia di un rivoluzionario che si trasferisce nella grande città (ndr. Milano) per vendicare i compagni morti sul lavoro (ndr. Il riferimento è al tragico scoppio della miniera di Ribolla, vicino Grosseto, in cui persero la vita 43 minatori nel 1954). Per sfortuna e indolenza rinuncerà all’attentato e finirà assediato nel proprio appartamento a contare gli spiccioli per arrivare a fine mese. La metropoli del miracolo economico lo mastica e lo sputa nella schiera infernale dei superflui, condannati a difendere l’inutilità del proprio lavoro culturale. Precario, condannato a scrivere venti cartelle al giorno come traduttore, in una notte d’incubo fa un bilancio impietoso della propria esistenza. Decide che, scrivendo una grande opera, può fare giustizia per i suoi compagni. Ha bisogno di evocare grandi potenze. Questo Faust all’italiana e il suo Mefistofele iniziano un viaggio onirico in cui si vende l’anima firmando un ambiguo Contratto sociale. Le clausole sono scritte in piccolo. E così il rivoluzionario si integra e accetta le regole del vivere comune, rifugiandosi tra le braccia del sonno e le gambe della sua compagna”.

[marchiani – teatro manzoni]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento