INAUGURATO L’EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ

 

Il taglio del nastro da parte del sindaco Tomasi

PISTOIA.È stato inaugurato stamani a Pistoia, in via Galileo Ferraris 7, nella zona di Sant’Agostino l’Emporio della Solidarietà: un negozio accogliente dove le persone meno fortunate potranno fare la spesa in piena autonomia decidendo fra i prodotti che più gli necessitano. Una card punti prepagata fornita dai centri di ascolto farà da strumento di pagamento.

Questo progetto di solidarietà fortemente voluto dalla Misericordia, dalla Caritas Diocesana, dalla Fondazione San Atto della diocesi di Pistoia e dalla Fondazione Caript, vuole unire le sinergie della città in modo da aiutare e rendere dignità a tante situazioni di singoli o famiglie che vivono in situazioni di difficoltà.

L’ Emporio della Solidarietà, inteso come un vero e proprio market alimentare, è una risposta innovativa e già presente sul territorio regionale e nazionale

A Pistoia rappresenta una evoluzione dell’attività svolta per oltre 20 anni dallo Spaccio della Misericordia di Pistoia e delle tante parrocchie della Diocesi.

«Questo nuovo servizio, che di fatto supera l’esperienza del pacco alimentare, garantirà una maggiore flessibilità ed efficienza nel sostegno alimentare di chi è in difficoltà – ha affermato Marcello Suppressa – direttore della Caritas di Pistoia —. Per questo progetto sarà importante la collaborazione con i Servizi Sociali, la rete delle Parrocchie e la stretta sinergia con le realtà commerciali del nostro territorio per il recupero dei beni e eventuali donazioni, in un’ottica di recupero, lotta allo spreco e nuovi stili di vita».

Le autorità presenti alla inaugurazione dell’emporio

«Una sfida vinta grazie alle sinergie che offre il nostro territorio» continua Sergio Fedi presidente della Misericordia di Pistoia. «Un territorio generoso fatto di persone, associazioni e aziende che con grande senso di responsabilità sociale sa realizzare progetti e risposte adeguate alle esigenze delle persone e soprattutto verso che si trova in difficoltà. Dopo il microcredito, il fondo solidarietà e salute l’emporio è l’ultima risposta in ordine di tempo».

“La sfida inizia adesso- affermano dalla Misericordia locale – e vorremmo che fosse un progetto condiviso da tante persone di buona volontà, associazioni e aziende che con responsabilità sociale vogliano darci una mano.

Un particolare ringraziamento alla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia che ne ha sostenuto interamente i costi di realizzazione e che ha creduto fortemente nella sua validità”.

Il pubblico presente alla inaugurazione dell’emporio

Le persone che accederanno al servizio saranno inserite in questo progetto dai centri d’ascolto Caritas, che valuteranno le necessità e progetteranno percorsi personalizzati di accompagnamento.

Il progetto prevede che l’emporio sia un vero e proprio centro aperto alla città per la sensibilizzazione a stili di vita coerenti col messaggio evangelico.

All’interno delle sale avranno luogo corsi di formazione specifici alla gestione dell’economia familiare, orientamento al lavoro e laboratori alimentari, con la collaborazione di varie associazioni e volontari vicini alla Caritas.

[Andrea Balli]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento