incendio del cassero. ABC: «PRIMA DI TUTTO E SOPRA A TUTTO LA TUTELA DEI CITTADINI»

Il Cassero stamattina 5 luglio 2016
Il Cassero, 5 luglio 2016

PISTOIA-CASALGUIDI. Alessio Gai presidente di Abc “Alleanza Beni Comuni” e l’ex consigliere comunale di Larciano, avvocato Alessandro Fagni, intervengono con un comunicato congiunto sulla questione della eventuale riapertura del Cassero:

Da cittadini dei comuni colpiti dalle conseguenze dell’incendio del Cassero, troviamo veramente sconvolgente che, a pochissimi giorni da un così grave disastro ambientale, siano immediatamente partite rilevanti pressioni per riaprire la discarica ed il dibattito sia monopolizzato dai fautori della riapertura.

Nessuna istituzione pubblica ha ancora fornito ai cittadini le più elementari notizie su questo evento e sulle sue conseguenze, che già le sirene del “profitto ad ogni costo” sono ripartite.

I cittadini non sono stati ancora informati di quale tipo di rifiuti sono arsi nell’incendio, di quali diossine sono state sprigionate e delle quantità emesse nell’aria, di quale sia stata la causa, ma ormai non si parla d’altro che di riaprire il Cassero, con interventi di Cispel e di Confindustria e tanti balbettii da parte delle istituzioni.

È in questa situazione che noi chiediamo con forza che la discarica non sia riaperta nemmeno parzialmente. Prima di tutto siano chiariti gli aspetti fondamentali della vicenda, ovvero, oltre a quelli già citati sulle diossine prodotte: si tratta di un evento doloso o l’incendio sé partito per negligenza del gestore?

Perché non vi era un sistema antincendio idoneo? Perché non vi era un sistema di sorveglianza della discarica per prevenire eventi del genere? I cittadini hanno diritto a risposte chiare e non pretestuose a queste domande e non accettano nessuna ipotesi di riaprire la discarica.

Se infatti la Regione permettesse alla discarica di riaprire e accadesse un altro incendio simile, riterremo responsabili tutti gli amministratori che non hanno salvaguardato la salute dei cittadini.

I cittadini hanno il diritto di sapere quale è l’incidenza dei tumori fra i residenti del comune di Serravalle e dei comuni limitrofi (Quarrata e Pistoia in particolare, Larciano e Lamporecchio investiti dai fumi e dalle sostanze tossiche per tutta la serata e la notte del 5 luglio.

Quanto sono aumentati i casi di tumori dall’apertura della discarica? Per troppe volte abbiamo chiesto trasparenza ma quando di mezzo c’è il profitto ai cittadini non è dato sapere di che male sono destinati a morire.

Chiediamo non solo che rimanga chiusa per tutto il tempo delle indagini come legge impone, ma anche e soprattutto che questa non abbia a riaprire per la dimostrata incapacità di gestione da parte di Pistoia Ambiente.

Da non scordare il primo incendio nel 1996 e le indagini del 2010, ed oggi con questo secondo incendio, destano nella popolazione molte preoccupazioni.

Abc, Alleanza Beni Comuni

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “incendio del cassero. ABC: «PRIMA DI TUTTO E SOPRA A TUTTO LA TUTELA DEI CITTADINI»

  1. Se non lo ha ancora fatto, mi parrebbe doveroso che l asl annualmente rendesse pubblici i dati sulla incidenza dei tumori nelle zone interessate; sono nella media nazionale o vi è incidenza maggiore ? Se i tumori fossero nella media nazionale e l asl lo certificasse, i cittadini sarebbero molto più sereni.

Lascia un commento