inceneritore di montale. PER IL SINDACO CALAMAI IMPORTANTE ARRIVARE ALLO SPEGNIMENTO E PUNTARE ALLA RICONVERSIONE

Il sindaco del Comune di Montemurlo Simone Calamai interviene nel dibattito, che vede al centro della discussione il futuro dell’impianto di termovalorizzazione di Montale: «Vigileremo affinché siano rispettati gli accordi»

L’inceneritore del Cis Spa

MONTALE. Il primo cittadino di Montemurlo guarda con favore al dibattito che si è aperto sul futuro dell’impianto di termovalorizzazione: «Importante valutare le prospettive di riconversione in un’ottica di chiusura del ciclo dei rifiuti a livello locale». In uno scenario futuro Montemurlo vuole essere pienamente partecipe del processo decisionale

«La volontà del Comune di Montemurlo è chiara: il termovalorizzatore di Montale deve essere spento. Vigileremo affinché siano rispettati gli accordi che prevedono di arrivare al fermo dell’impianto entro il 2023. — sottolinea con forza il sindaco Calamai — Si tratta di un traguardo che Montemurlo aspetta ormai da molti anni, un punto fermo sul quale non si torna indietro e verificheremo con la massima attenzione che questo accada».

Simone Calamai

Il sindaco Simone Calamai già ad agosto 2019, dopo poche settimane dall’inizio del suo mandato amministrativo, aveva scritto alla Regione Toscana, chiedendo esplicitamente che il Piano regionale di gestione dei rifiuti prevedesse chiaramente la volontà di arrivare alla chiusura dell’impianto e “le soluzioni alternative previste dalla Regione per lo smaltimento dei rifiuti”.

D’altronde l’inceneritore di Montale si trova solo a poche decine di metri dal confine di Montemurlo nella zona di Oste e dunque ogni decisione sull’impianto ha un impatto diretto sulla comunità locale.

«È positivo il dibattito che si è aperto circa il futuro dell’impianto per il quale deve essere trovata al più presto una soluzione. — prosegue Calamai — È importante, a parer mio, individuare una prospettiva di riconversione nell’ottica della chiusura della filiera dei rifiuti a livello locale.

Non si può più rimandare: questo è il tempo di fare delle scelte ben precise che coniughino la salvaguardia della salute pubblica e la tutela ambientale in un’ottica di sostenibilità».

Infine, il sindaco Calamai si sofferma sulla questione del futuro utilizzo dell’impianto: «Il Comune di Montemurlo vuole partecipare attivamente a quello che sarà lo scenario post riconversione. Non possiamo pensare di avere un impianto del genere alle porte di casa e non essere, insieme agli altri Comuni, tra i soggetti promotori delle decisioni che avranno un impatto diretto sulla nostra comunità».

[comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “inceneritore di montale. PER IL SINDACO CALAMAI IMPORTANTE ARRIVARE ALLO SPEGNIMENTO E PUNTARE ALLA RICONVERSIONE

Comments are closed.