inceneritore. SI VA VERSO IL SEQUESTRO?

Sembra che, dopo le seppur tardive e parziali determinazioni degli organi di controllo, le indagini abbiano avuto un ulteriore impulso e che nuovi sviluppi possano attendersi a breve
Angela Canelli (a sinistra) e la neo Presidente del Comitato antiinceneritorista Paola Gelli
Angela Canelli (a sinistra) e la Presidente del Comitato antiinceneritorista, Paola Gelli

AGLIANA-PIANA. [a.r.] Il fascicolo dell’inchiesta sull’inceneritore di Montale è aperto da tempo, in seguito all’esposto presentato dal Comitato per la Chiusura.

La Presidente Paola Gelli, in passato, è stata già ricevuta dalla Procura della Repubblica e sembra che, dopo le seppur tardive e parziali determinazioni degli organi di controllo, le indagini abbiano avuto un ulteriore impulso e che nuovi sviluppi possano attendersi a breve.

Il Comitato non ha alcuna più precisa informazione, ma ha auspicato l’eventualità di un’iniziativa di sequestro cautelativo dell’impianto proprio nell’assemblea pubblica svoltasi il 20 novembre a Montemurlo e data la necessità di concrete iniziative di tutela a favore della cittadinanza, che saranno comunque sempre poche e scarsamente incisive viste le più gravi conseguenze degli effetti dell’impianto, più o meno fuori controllo, sulla salute della Piana.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento