inceneritori. I MEDICI DI PISTOIA NON HANNO DUBBI: SONO DANNOSI

Nel convegno promosso dall’Ordine dei Medici è stato riaffermato che l’ambiente è il primo fattore di causa nello sviluppo di malattie e gli inceneritori sono una minaccia dimostrata per la salute dei cittadini
ordmedici_1
Maurizio Scassola e Ferdinando Santini

PISTOIA. Era stato concepito come un normale corso di formazione professionale, ma è poi risultato un convegno di alta valenza scientifica, grazie alla qualità dei relatori e alle evidenze documentate da recenti lavori di ricerca, conseguite in anni di studio.

ordmedici_2
Le polveri fini sono un grave minaccia

I lavori sono stati aperti dal saluto del Vicepresidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo) Maurizio Scassola che ha chiesto la lettura dell’articolo 5 del codice deontologico per la professione medica nel quale è indicato un precetto fondamentale per ogni medico che deve perseguire la tutela della salute adoperandosi “… per una pertinente comunicazione sull’esposizione e sulla vulnerabilità a fattori di rischio ambientale”.

ordmedici_3
Francesco Cipriani chiamato in sostituzione di Renzo Berti

Le relazioni svolte nell’intera giornata sono state di grande rilevanza, possiamo dire “storica” e dunque lo stato dell’arte ha recepito – forte e chiaro – la relazione di causalità tra l’ambiente e la salute.

Chiaramente, qualora l’ambiente sia inquinato da polveri fini e/o microinquinanti organici (diffusi nella catena alimentare) la salute dei cittadini è colpita trasversalmente alle generazioni e alle classi sociali, ma con peggiore esito per i più piccoli.

ordmedici_4
Ernesto Burgio,specialista in epigenetica

Le relazioni sono state tutte di grande respiro scientifico, comprensibilità e attualità, distinte in tre moduli:

  • Processi di combustione: Gianni Tamino, Giovanni Ghirga, Paolo Lauriola di Arpae (dove la “e” finale sta per educazione ambientale) mentre, per l’Asl non c’era il Direttore del Dipartimento Prevenzione, Renzo Berti, sostituito – con sorpresa di molti convenuti – da Francesco Cipriani.
  • Inquinanti e rischi per la salute: Agostino Di Ciaula, Ernesto Burgio che ha introdotto un tema di grande rilevanza e crescente sviluppo scientifico: l’epigenetica, seguito dalla molto amata – dai cittadini – l’oncoematologa Patrizia Gentilini.
  • Soluzioni e prospettive concrete: Vincenzo Migaleddu, Ferdinando Laghi, Alberto Bellini, Pietro Piva e Fabio Musmeci.
ordmedici_5
Ernesto Burgio espone un argomento complesso

La giornata ha visto anche alcuni momenti di critica nei confronti del rappresentante dell’Arpat Paolo Lauriola da parte di un medico grossetano per le gravi incongruenze riguardanti la vicenda dell’inceneritore di Scarlino.

ordmedici_6
Patrizia Gentili, onccoematologa

Grande sorpresa ha destato la mancanza di Renzo Berti: il capo del Dipartimento Prevenzione dovrebbe avere interesse straordinario a ricevere un aggiornamento scientifico su una materia tanto complessa e attuale (e per certi dettagli a lui ignota), con un territorio esposto a uno sciaguratissimo inceneritore (Montale) e una famigerata discarica a Serravalle.

Ampia la trattazione sulla dimostrata pericolosità dell’inquinamento da polveri fini che vedono i cittadini dell’area della Piana Montale-Agliana-Montemurlo esposti ai massimi livelli di concentrazione in danno alla salute.

orrdmedici_3
Paolo Lauriola Arpae

L’assenza di Berti è stata ricondotta a impegni non rinviabili correlati alla riorganizzazione della nuova Asl Centro Toscana (ma non era stata fatta la fusione ben 11 mesi fa?) e purtroppo la relazione del suo sostituto non ha permesso di qualificare meglio i termini delle recenti questioni di potenziale inquinamento, partendo da Serravalle per arrivare a Montale.

ordmedici_7
Agostino Di Ciaula

Altri medici istituzionalmente “rilevanti” non erano presenti al convegno: Aldo Fedi, già direttore del Dipartimento Prevenzione di Usl 4; Luigi Biancalani, Assessore alla Salute nel Comune di Prato; Lucilla Di Renzo, segretaria del Pd Aglianese; Paola Picciolli – non Stefano Cantini, formalmente giustificato perché veterinario – responsabile della U.O. Igiene Alimenti e ancora Maurizio Rapanà epidemiologo; Roberto Biagini (già U.O. Dp); Rino Agostiniani e Chiara Gherardeschi, dirigente dell’Usl Centro.

Egisto Bagnoni
Egisto Bagnoni

Assenti non giustificati, vista la loro posizione professionale a incarichi di consulenza “pubblica” sulla tematica, sono sicuramente da riconoscere nella persona del dott. Andrea Poggi dell’Arpat Pistoia (che anche se non è un medico, avrebbe potuto almeno affiancare il delegato – emiliano e dunque ignaro – Paolo Lauriola, costretto a un’affannata difesa nell’area di porta dell’operato di Arpa).

Notata la mancanza di rappresentanti di altri Ordini dei Medici, con inceneritori in progettazione sul territorio come Firenze (Antonio Panti che, per Case Passerini appena una settimana fa ha chiuso un seminario tematico sui rifiuti, di tutt’altro sapore) o in funzione, come Pisa, Siena (inceneritore di Poggibonsi) e Prato (Francesco Sarubbi, per l’inceneritore di Baciacavallo e Montemurlo, territorio sottovento alle ricadute dell’impianto di Montale), mentre – ben diversamente – Roberto Romizi di Arezzo (Isde) ha bene riferito i saluti e l’attenzione dell’Ordine aretino, impegnato con l’inceneritore di San Zeno e non solo.

Antonio Panti, presidente Ordine dei Medici di Firenze
Antonio Panti, presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze

Tra il pubblico sono stati riconosciuti – senza mandato aziendale e quindi convenuti quali medici in proprio –, Livia Marino Merlo e Hartmut Sasse, noti per essere stati già impegnati all’istruttoria dell’indagine epidemiologica per le ricadute dell’inceneritore di Montale, documento sempre più al centro di polemiche per la sua lunga durata e inaffidabilità.

Gli organizzatori hanno dichiarato la loro soddisfazione per l’interesse dei partecipanti, appassionati dall’eccellenza dei relatori che, con le loro dense relazioni, permetteranno di sviluppare l’attenzione nazionale su una delle rivelazioni del convegno, l’epigenetica: la nuova frontiera di studio della comprensione delle malattie riconducibili alla qualità dell’ambiente, ovvero dell’inquinamento.

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email