INTITOLATA A PEPPINO IMPASTATO LA BIBLIOTECA NORD

La targa viene scoperta dal sindaco Biffoni

PRATO. È stata intitolata ieri mattina al giornalista Peppino Impastato, Uomo di Libertà noto per le sue denunce contro le attività di Cosa Nostra, la Biblioteca comunale nord di via Corridoni 11, a 40 anni dal suo omicidio per mano della mafia.

Alla cerimonia di scopertura della targa erano presenti il sindaco Matteo Biffoni, l’assessore all’Istruzione Maria Grazia Ciambellotti, la presidente del Consiglio comunale Ilaria Santi, il prefetto di Prato Rosalba Scialla, la preside della scuola media inferiore Filippino Lippi Sandra Bolognesi e Don Marco Natali dell’associazione Libera.

Erano presenti anche i ragazzi della 3a media della scuola Filippino Lippi, che proprio in questo periodo stanno portando avanti la lettura del libro Per questo mi chiamo Giovanni, ispirato alla figura di Giovanni Falcone, altra nota vittima della mafia.

La targa

Uomo libero e incorruttibile Peppino Impastato e a 40 anni dal suo omicidio — che ricorre il 9 maggio — l’Amministrazione Comunale ha deciso di accogliere la petizione presentata lo scorso novembre alla Commissione consiliare 3 — presieduta da Luca Roti — dalle associazioni, Anpi, Libera, LeftLab, Sentieri Partigiani e 6 Settembre per chiedere l’intitolazione a suo nome di una via, una piazza o un luogo pubblico.

Don Marco Natali, dell’associazione Libera, ha voluto delineare la figura di Peppino Impastato partendo dal ricordo dei quasi 600 giornalisti che ancora oggi in Italia vivono sotto minaccia della mafia. Il ricordo è andato anche ad altri noti giornalisti che come Impastato sono morti per amor di verità: Giuseppe Alfano, Carlo Casalegno, Cosimo Cristina, Giovanni Spampinato, Giuseppe Fava, Giancarlo Siani, Walter Tobagi, Ilaria Alpi.

“Peppino Impastato era un giornalista innamorato della sua terra e della libertà. Non si accontentava di raccontare la cronaca, lui indagava e voleva capire ma soprattuto voleva che anche gli altri capissero. Era il suo modo di dire la verità, era il suo modo di amare la sua gente e la sua isola, la Sicilia”, queste le parole di Don Marco Natali.

Il sindaco e il prefetto

Anche il sindaco Matteo Biffoni ha voluto ricordare la figura di Impastato, un “uomo libero e incorruttibile che ha scelto persino di rompere i legami con la famiglia perché il padre e lo zio erano malavitosi. La targa vuole essere non solo un omaggio alle idee di un uomo libero e un messaggio positivo da tramandare, ma soprattutto un monito che serva a ricordare che nessun territorio è esente dalle infiltrazioni malavitose”.

A tal proposito, Don Marco Natali ha accennato al progetto di un’iniziativa rivolta proprio ai giovani. Un’attività di indagine, ricerca e denuncia da proporre nelle scuole medie e superiori per invitare i ragazzi a cimentarsi con il giornalismo durante l’anno scolastico per scoprire in che misura sono presenti mafia e corruzione nel territorio di Prato.

Biffoni ha infine esortato i giovani presenti ad occuparsi della cosa pubblica, che sia tramite politica o volontariato, e ha ribadito l’importanza della cultura e della conoscenza, attraverso le quali è possibile diventare liberi, incorruttibili, imparando a pensare con propria testa e a decidere cosa è giusto e sbagliato: “Valori da condividere e da tramandare soprattutto alle nuove generazioni” ha dichiarato il sindaco.

[sl — comune di prato]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento