“IO NON RISCHIO”, BUONE PRATICHE PER LA PROTEZIONE CIVILE

INR_Banner_300x100MONTEMURLO. A Montemurlo ritorna la campagna di sensibilizzazione sulle buone pratiche di protezione civile “Io non rischio”, promossa dal Dipartimento nazionale di protezione civile in più di quattrocento piazze italiane. Oggi, sabato 17 ottobre e domani, domenica 18 ottobre, i componenti della struttura comunale di protezione civile con i volontari Anpas-Croce d’Oro Prato, saranno nella piazza antistante il supermercato Coop di via Livorno a Montemurlo per informare sulle corrette pratiche da adottare in caso di alluvione.

«La protezione civile è fatta dai cittadini – spiega l’assessore alla protezione civile, Rossella De Masi –. Si fa reale prevenzione quando tutti sono informati circa i rischi della zona dove abitano. Purtroppo, oggi le trasformazioni climatiche fanno si che fenomeni un tempo molto rari come le alluvioni, si presentino con una certa frequenza. Meglio, dunque, non rischiare ed informarsi su come evitare rischi».

L'assessore Rossella De Masi
L’assessore Rossella De Masi

Gli operatori della protezione civile comunale durante le giornate, come nelle passate edizioni di “Io non rischio”, informeranno i cittadini sul piano comunale di protezione civile e in particolare faranno conoscere l’applicazione “Prociv pass”, un’app che si può scaricare sullo smarth-phone e che informa sugli stati di allerta in corso nella propria zona di residenza, anche a Montemurlo.

L’invito è dunque quello di fermarsi allo stand di “Io non rischio” e informarsi su come affrontare le emergenze. Lo scorso anno la manifestazione era dedicata al rischio terremoto, quest’anno, invece, le due giornate sono dedicate alle alluvioni. Per saperne di più si può visitare anche il sito www.iononrischio.protezionecivile.it.

La campagna “Io non rischio Alluvione” è promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile, da Anpas, dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e dal Consorzio della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, in collaborazione con AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Er-Agenzia regionale per la prevenzione e l’ambiente dell’Emilia-Romagna, Autorità di bacino del fiume Arno, Cami-Lab-Laboratorio di Cartografia Ambientale e Modellistica Idrogeologica dell’Università della Calabria, Cima-Centro internazionale in monitoraggio ambientale, Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idrogeologica e Ispra-Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.

[masi – comune montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento