«IO SON PASQUINO REDIVIDO E VIVO»

La pagina di Pasquino da Pistoia
La pagina di Pasquino da Pistoia

PISTOIA. E così a Pistoia ora abbiamo anche Pasquino, figlio di Cecco Angiolieri e di Remo Cerini – come scrive lo stesso autore che ci invita a seguirlo su facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/profile.php?id=100007178538816.

In effetti ha già avuto qualche adesione. Ma intanto leggete i primi tre componimenti in rima che ha pubblicato sulla sua pagina…

AUTORITRATTO

Io son Pasquino redivido e vivo
Se c’è una verità fatem’ un fischio e arrivo
Paura un m’ha ma’ fatto re potente o prete
scrivetemi e leggetemi, un ve ne pentirete
sul primo cittadino sull’ultimo de matti
la verità dirò, con date luoghi e fatti
e se non verran meno ardore e autostima
i fatti metterò giù giù fino alla rima

ALBERI ABBATTUTI IN PIAZZA D’ARMI

A pistoia chi comanda un si vol sporcà le mani
le tasse non si tagliano, si tagliano li rami
Anco l’arberi interi pe dormì tra du cuscini
Tanto chi se ne frega se du vecchi e du bambini
Senza le fronde verdi c’avranno il capo al sole
Si stendano petterra e si copran coll’aiole

ALTRA DICHIARAZIONE DI POETICA

Son figlio d’angiolieri, son figlio del cerini
m’abbondano l’idee e mi scarseggiano i quattrini
mi garba solamente guardà sott’a tappeti
dentro l’armadi vecchi che son zeppi di segreti
levare un po’ di polvere e buttalla sana in piazza
pecché chi qui comanda nella polvere ci sguazza
solo finché non ha né nome né chiarezza
ecco c’è qui pasquino che in piazza la battezza.
E tu che qui mi leggi, se sei di me più saggio
non fa lo schizzinoso e mandam’un messaggio
se sa’ una cosa ganza che l’è sfuggia a Pasquino
Pasquino te la pubblica, prima che sia mattino.

Da scrivere ce n’è abbastanza. Buon divertimento e auguri a Pasquino!

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “«IO SON PASQUINO REDIVIDO E VIVO»

  1. Benvenuto!

    Codesto tuo proemio promette invero bene
    se è vero come parmi che colpi non risparmi
    a gente disonesta che il popolo funesta
    con brogli ed intrallazzi nel chiuso dei palazzi

    In quegli stessi luoghi dove il potere appesta
    e senza temer schiamazzi i più deboli calpesta
    la tua voce rimbombi come tuono con fragore
    sì che il popolo riesca a risvegliar dal suo torpore

    E se in breve riuscirai come invero è mia speme
    col tuo solo favellare e senza bisogno d’armi
    di certe genti oscene a randellar le schiene
    allora invero assai riuscirai tu a consolarmi

    E infin quand’ai ladrazzi rovinerai la festa
    il favor certo godrai d’ogni gente perbene
    così qual giustiziere di deboli ed inermi
    a noi poveri mortali fugherai tutte le pene

Lascia un commento