ippodromo. MAGNANI (M5S): “DECLASSAMENTO FRUTTO DI APPROCCIO VOCATO AD AZZARDO”

Le idee per la rinascita della struttura legata molto strettamente alla vita dei Montecatinesi e non solo
L’ippodromo Sesana di Montecatini

MONTECATINI. “Sono legata per passione al mondo dell’ippica e ancora di più dell’equitazione, per questo ho ricevuto con dispiacere la notizia del declassamento dell’Ippodromo Sesana, struttura bellissima legata molto strettamente alla vita dei Montecatinesi e non solo” così Sandra Magnani, candidata M5S nel collegio pistoiese, in un post facebook.

“In tutto il paese da anni si nota una disaffezione agli ippodromi — prosegue Magnani — anche perché politica e una certa impresa hanno allontanato questi spazi dal mondo della passione per il cavallo per leggerli totalmente nella dimensione del gioco d’azzardo. In una logica secondo la quale la bellezza e vivibilità di questi luoghi diventa fattore del tutto trascurabile”.

“Gli ippodromi sarebbero invece risorse importanti, dall’alto potenziale turistico ed economico se ben sfruttate e sottratte dal totem della vocazione all’azzardo” sottolinea la candidata M5S.

Sandra Magnani

“Dovremmo avviare queste strutture ad una vita nuova, più orientata a tutto tondo agli sport che si praticano a cavallo e con i cavalli: equitazione, dressage, volteggio, polo, gare di carrozze e di tiri — precisa Magnani che aggiunge — così come sono importanti e gestibili in questi spazi le attività a supporto dei portatori di difficoltà, ad esempio l’ippoterapia”.

“Sarebbe auspicabile una più stretta collaborazione tra l’Amministrazione Pubblica, le proprietà degli impianti e le federazioni sportive di riferimento per la definizione di attività, programmi ed eventi che possano far lavorare gli impianti durante tutto l’anno. Qualcosa che finora è mancato” insiste la manager candidata M5S nel collegio pistoiese.

“Si potrebbe sviluppare inoltre l’attrattiva particolare delle visite a cavallo delle bellezze del territorio pistoiese, incluso il Padule di Fucecchio, orientando anche in questa direzione la strutturazione delle fruizione turistica di questi spazi. Così come avrebbe un senso ragionare in logica di pianificazione nazionale, tentando di portare occasioni come le fiere dei cavalli, ad esempio quella veronese, anche a Montecatini” precisa Magnani che conclude “Iniziative di questo genere porterebbero ossigeno a tutti gli operatori del settori copiosamente presenti in tutta la provincia di Pistoia e zone limitrofe.

Però insisto, per riuscire a valorizzare quanto abbiamo già come strutture ed attività di allevamento è necessario essere appassionati più di cavalli che di gioco d’azzardo”.

[movimento 5 stelle toscana]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento