LA CHIESA PISTOIESE IN DIFFICOLTÀ

Settimana teologica e Centro Giovani: in attesa del nuovo Vescovo tutta la città dovrebbe riflettere
Francesco l’inascoltato...?
Francesco l’inascoltato…?

PISTOIA. Alcune insegnanti di Pistoia, riguardo ai problemi della Chiesa pistoiese, scrivono:

La questione è come riuscire ad esprimere qualcosa di sufficientemente sensato e ordinato su un aspetto che certamente è molto profondo ed impegnativo e ci colloca nel centro del mistero cristiano. La Carità, cuore del Vangelo. La nostra comunità ecclesiale di Pistoia, in trepidante attesa di un nuovo Vescovo, dovrebbe riflettere alla luce degli avvenimenti succedutisi negli ultimi due mesi.

Dopo 27 anni ininterrotti, la Diocesi ha sospeso la Settimana Teologica, evento coordinato e organizzato, come ogni anno, da Monsignor Frosini. Inutili le promesse fatte di ripristinare l’evento sotto una nuova veste! La comunità così rimane depauperata di un momento forte di riflessione teologica. Poche le voci, in verità, che si sono levate per far sentire il proprio dissenso, quasi che le tante persone che per tutti questi anni, hanno partecipato agli incontri avessero dimenticato di aver camminato insieme. Il secondo colpo alla comunità giunge dalla notizia della prossima chiusura del Centro Giovani. Ricordiamo solo una delle ultime omelie di Papa Francesco, in Santa Marta.

– Gesù non è un professore che parla dalla cattedra, ma sta in mezzo alla gente e si lascia toccare per guarire.

“Sarebbe auspicabile che, finalmente, la comunità ecclesiale di Pistoia e soprattutto chi la sta guidando in questi mesi desse prova di maturità e accogliesse le sensibilità diverse, i diversi modi divedere le cose e di agire considerandole un’inestimabile ricchezza, invece di trasformarle in occasioni di divisione”.

La Comunità Ecclesiale, sacerdoti e laici secondo la propria responsabilità, sia una voce sola intorno a don Carmignani e i suoi ragazzi. Accogliere significa farsi toccare e condividere il quotidiano con gli altri. Così è stato al Centro Giovani. Il nuovo Vescovo, che la comunità tutta attende, certamente non avrà dubbi nel cogliere la profondità di chi, davvero, si è speso per gli ultimi.

Docenti

Maria Rita Di Simone, Beatrice Iacopini, Romilda Saetta, Alessandra Pastore, A. Chiara Ibba

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “LA CHIESA PISTOIESE IN DIFFICOLTÀ

  1. Un grazie sentito ai docenti che finalmente hanno scosso queste acque stagnanti da cui Pistoia è affetta e circondata, su questa come in tante altre questioni.
    Anzi, certe volte sarebbe il caso che “il Popolo di Dio” si facesse sentire con voce assai più chiara e decisa rispetto a quanto fa di solito. Gesù non ha affatto comandato di essere, di fronte all’arroganza ed all’abuso di potere, pecorelle belanti ed obbedienti, ma di alzare la testa, farsi sentire, “esserci”. L’obbedienza indiscussa un credente la riserva solo al Padre, non agli uomini che non la meritano; naturalmente, agendo negli opportuni ed ovvi limiti.
    Piero Giovannelli

Lascia un commento