LA COMUNITÀ SI MOBILITA PER L’OSPEDALE DI PRATO

Prato, l’ingresso al nuovo ospedale

PRATO. È una catena di solidarietà verso l’ospedale Santo Stefano che ogni giorno riceve tanti gesti di generosità da parte della comunità pratese. Tanti hanno donato fino dai primi giorni di emergenza sanitaria e tanti hanno raccolto l’invito alla solidarietà del Consigliere Regionale Nicola Ciolini. Sono arrivati 2.500 test rapidi per rilevare l’eventuale contagio da Coronavirus, donati da imprenditori cinesi che saranno destinati al personale sanitario.

Non è mancata la generosità di Associazioni, Aziende, farmacie, imprenditori di Prato e cittadini grazie ai quali sono arrivati 500 camici monouso, 20 chilogrammi di gel igienizzante e 500 mascherine.

La comunità si è mobilitata per sostenere gli operatori sanitari che affrontano in prima linea questa emergenza. Sono davvero tante le iniziative per fargli sentire, ogni giorno, vicinanza e conforto.

L’Associazione Adesso Prato e Pastifici Pratesi hanno recapitato, nel rispetto di tutte le norme di sicurezza anche pasti caldi pronti e pasta fresca: ravioli e spaghetti alla chitarra. Un lungo elenco di tanti contributi importanti per supportare l’ospedale di Prato che ringrazia tutta la comunità.

[vannucchi — asl toscana centro]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email