LA GUERRA FREDDA NON C’È PIÙ

Ormai anche a Pistoia è dilagata l’onda renziana e di Bertinelli c’è da chiedersi “Se non ora, quando” il salto della quaglia?
Il nuovo Pd europeo e europeista
Il nuovo Pd europeo e europeista

IL MURO di Berlino è caduto, i comunisti non fanno più paura (anche perché i Dc erano abituati a farci comunque, da sempre, gli accordi di sottobanco per il consociativismo) e, soprattutto Renzi, con 80 € al mese (i 30 denari di Giuda?) ha comprato una fornata di voti dei moderati e dei non-moderati (absit iniuria verbis) della minchia.

Credo che sia questo l’unico, vero commento possibile alla marea di voti Pd – una vera petroliera che ha perso il carico intero e finirà, grazie alla D (= Democratico/Deutschland?), per impiastrare tutti gli uccelli di mare e le aringhe italiane –, quella marea che ha impestato l’Universo (sud) Europa.

Pipino il Breve, con la sua crozziana carotina fra le zampette, ce l’ha fatta a infinocchiare tutti: Lui, che di Pd ha avuto sempre e solo poco o nulla, ha grattato voti a destra e a manca e, soprattutto, s’è fatto gli affari suoi, a spallate e gomitate contro tutto e contro tutti. Il tempo, lo vedremo, ci darà ragione o ci smentirà. Intanto Lui ha girato e gira (in tv) l’Italia con il suo carro da maschere del teatro dell’arte, e le sue prime attrici sorrette, nei loro sorrisetti-discorsini imparaticci a memoria (riguardatevi qualche youtube della Maria Elena Boschi…), e sostenute da qualche vegliardo più squalo alla Delrio (rio mare, appunto, in questa Italia-tonnara pro banchis et quattrinibus).

L’Italia della massima concentrazione PD
L’Italia della massima concentrazione PD

La guerra fredda non c’è più e nessuno ha più paura che arrivino i comunisti a mangiare bambini. E ripeto – cosa che ho già scritto, peraltro – volesse Iddio che non c’è (se non per Mansueto e Vannino, o per Bertone) che tornasse il vero Baffone a impacchettare e spedire malaka in Siberia. Tsipras vi spiegherà che in Grecia malaka significa “cacaiola/merdina” e che è l’appellativo che gli ateniesi, sempre incazzati, rivolgono a chi rompe loro ta archìdia (i coglioni) nelle strade caotiche della capitale: Quaquaraquà o squacqueroni in Italia.

Voglio bene allo Zio Stali (senza la N)
Voglio bene allo Zio Stali (senza la N)

Sostanzialmente, dunque, Vannino Chiti ha ragione quando presenta il suo libro, ultima fatica, con il supporto di Mansueto ex-Vescovo: tutti gli italiani, e specie quelli di [Bona]fé[de], oscillano benissimo fra cielo e terra. La più alta percentuale Pd, infatti, c’è stata, come si vede dall’Italietta in immagine, nel centro; dalla Toskana (quando Righetto dal ciuffo tornerà saltellando dall’Europa, questa sarà la nuova grafia della nostra regione, secondo l’ortografia tedesca) al blocco compatto degli ex-Stati Pontifici: Emilia, Marche, Umbria e Lazio. È dunque vero che per essere cattolici ci vuole fede, come fede ci vuole per essere comunisti. Ed è grazie alla fede che catto&comunisti sono andati e andranno sempre d’accordo: anche perché – vedrete – presto presto, appena ripartirà un pochino l’economia, finiranno perfino con il riaumentarsi le paghe parlamentari.

Samuele Bertinelli, Sindaco di Pistoia
Samuele Bertinelli, Sindaco di Pistoia

Ma Pistoia, per scendere in basso? Al Pd è rimasta una solissima macchia: son tutti renziani, ormai, anche gli ex-cuperliani e i neo-stalinisti (perfino quelli che, quando lavoravano in Comune, avevano il santino di Baffone sulla scrivania), tranne uno. Ce la fate a indovinare o no…?

Quanto ci metterà Samuele Bertinelli, dopo questo “Vento di passioni”, a convertirsi al blocco ormai compatto dei ‘fratelli cattolici’?

Donne e giovinetti amanti,
viva Renzi e Pd-Amore!
Ciascun suoni, balli e canti!
Arda di dolcezza il core!
Non fatica, non dolore!
Ciò c’ha esser, convien sia.
Chi vuol esser renzian, sia:
del Pd non c’è certezza.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento