LA PALESTRA E LA RISPOSTA DELL’ASSESSORE SANTUCCI

La palestra di Casalguidi è coperta di amianto
La palestra di Casalguidi è coperta di amianto

SERRAVALLE. L’Assessore Santucci ha risposto alla nostra interrogazione sulle condizioni della copertura della palestra di Casalguidi dopo gli eventi atmosferici del 5 marzo u.s., sostenendo una tesi quanto meno bizzarra riguardo alle tardive misure di sicurezza adottate dall’Amministrazione nei confronti della cittadinanza.

Il ritardo, secondo l’Assessore, sarebbe dovuto all’impossibilità di effettuare i necessari controlli sul tetto in amianto della palestra (trattato con la tecnica dell’incapsulamento), a causa del forte vento che si è protratto per alcuni giorni dopo l’evento eccezionale.

“In queste condizioni, non abbiamo ritenuto opportuno mandare qualcuno con l’autoscala sul tetto della palestra – afferma Santucci – per evitare che succedesse una disgrazia a causa delle raffiche”; inoltre “la quantità di frammenti presenti in strada e sul piazzale (prontamente rimossi con ditta autorizzata), ma soprattutto il fatto che, dall’interno della palestra, il controsoffitto si presentasse integro, non ci hanno fatto comprendere da subito la reale situazione”.

Elena_Bardelli--
Elena Bardelli

Caro Assessore, quanto affermato per giustificare l’operato dell’Amministrazione, non fa che aggravare il suo comportamento; comprendiamo la sua preoccupazione, ma lo stesso principio di prudenza, applicato giustamente ai periti destinati a fare il sopralluogo sul tetto, a maggior ragione avrebbe dovuto essere applicato anche nei confronti di tutte quelle persone che nei giorni immediatamente seguenti la tempesta di vento hanno continuato a frequentare la palestra, compresi i ragazzi del Polo Scolastico e delle Scuole Medie, che si avvalgono della struttura per svolgere le lezioni di educazione motoria.

Nell’incertezza dell’entità del danno, in via precauzionale la palestra doveva essere immediatamente chiusa, senza attendere i relativi rilievi tecnici, che poi non hanno fatto che attestare lo stato di pericolosità. Tanto più che il giorno successivo, gli spazi vicini all’edificio, come dice lo stesso Santucci, erano stati sollecitamente bonificati, per la presenza di frammenti di eternit. Mettendo a repentaglio l’incolumità e la sicurezza dei cittadini, l’Amministrazione ancora una volta ha dato prova di imprudenza e irresponsabilità.

Elena Bardelli
Consigliere Comunale Fdi-An

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento