LA PICCOLA GRANDE LEZIONE DI VILLA BASILICA

Quando da semplici ragionamenti possono nascere soluzioni per i bisogni della gente
Daniele Bettarini, Antonio Pileggi e Giordano Ballini al Marino Marini
Daniele Bettarini, Antonio Pileggi e Giordano Ballini al Marino Marini

PISTOIA. Come l’uovo di Colombo, ma a Villa Basilica, prima del suo avvento, non ci aveva pensato nessuno. Ci riferiamo a Giordano Ballini, 51 anni, sposato e padre di due figli, da dieci anni primo cittadino del Comune della Lucchesia, un borgo di poco più di duemila anime posto al limitare di Pescia.

A fine maggio scade il suo secondo e non più rinnovabile mandato di Sindaco, ma da quelle parti e chissà, forse anche nelle alte sfere renziane (lui lo è, e della primissima ora), faranno di tutto affinché non torni nell’azienda commerciale dove ha chiesto ed ottenuto l’aspettativa.

Ne avevamo già sentito parlare della sua piccola grande genialità e ieri sera, al dibattito promosso dall’Associazione Adesso!Pistoia svoltasi presso il Museo Marini, proprio per capire come si stanno movendo i Comuni che in questo 2014 dovranno affrontare i rinnovi dei Consigli, abbiamo capito perché.

“Sono stato eletto Sindaco nel 2004 – racconta Ballini, poco prima che abbia inizio il dibattito che sarà poi animato anche dalle dichiarazioni del collega di Borgo a Buggiano, Daniele Bettarini, e da Antonio Pileggi, responsabile amministrativo di vari Comuni del pistoiese –. Ho subito pensato, con il mio staff, di studiare attentamente il territorio nel quale viviamo e abbiamo stabilito che quella particolare morfologia pseudo montana dovesse essere sfruttata al meglio. Villa Basilica ha un’estensione di 37 chilometri quadrati ed è considerato comune d’altura. L’80% del suo territorio è boschivo e numerosi e floridi sono i corsi d’acqua. Ci siamo fatti finanziare dalla Regione Toscana uno studio che ha generato la possibilità della costruzione di un impianto idroelettrico. Il risultato è sotto gli occhi di tutti, ad iniziare da noi cittadini di quel Comune: costruiamo energia e la vendiamo alla G.S.E. l’Enel, tanto per intenderci. Soltanto nel 2013, questa operazione ha portato nella case di Villa Basilica 370.000 euro, con i quali abbiamo coperto quasi interamente le spese di gestione del Comune stesso; una pianta organica a costo zero”.

Giordano Ballini, Sindaco di Villa Basilica
Giordano Ballini, Sindaco di Villa Basilica

Ma si può fare di più e meglio, hanno pensato il Sindaco di Villa Basilica e il suo entourage, ingrossato e motivato da questa geniale iniziativa. Infatti, sempre sotto il suo mandato amministrativo, a Villa Basilica nasce il teleriscaldamento, un marchingegno di biomasse forestali. Anche qui, il risultato è semplicemente stupefacente: la frazione di Pariana, non metanizzata, oltretutto, riceve acqua calda e riscaldamento proprio dal tele riscaldatore di Villa Basilica, con un enorme abbattimento dei costi vivi per la cittadinanza.

“Sempre grazie a una massiccia presenza di acqua e legno sul nostro territorio – ha aggiunto – ci stiamo ora attrezzando per dare anima e corpo ad un cogeneratore, a filiera corta, tra l’altro, a chilometri zero, per essere più chiari, visto che è tutta acqua e legna che prendiamo dalla terra del nostro Comune: l’idea è quella di sfruttare ulteriormente energia elettrica e vapore e destinarle alle nostre più impellenti esigenze”.

luigiscardigli@linealibera.info

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento