la riflessione. «CHIUDONO I PONTI, TORNANO LE FRONTIERE: EUROPA MIOPE ED EGOISTA»

L’Öresund_bridge
L’Öresund_bridge

PISTOIA. Chiude l’Oresund Bridge tra Svezia e Danimarca, in tutta Europa si attuano politiche contro la libera circolazione delle persone, cittadini europei inclusi. Le merci continuano a circolare liberamente in tutto il pianeta, mentre per gli esseri umani si accentuano le restrizioni ed i controlli.

Siamo sicuri che stiamo mantenendo le premesse che l’umanità si era data dopo la fine del secondo conflitto mondiale e soprattutto quelle che i costruttori dell’Europa avevano posto come fondamento della sua istituzione?

Qualcuno potrà dire che il problema non siamo noi europei, ma è rappresentato dalle migrazioni da altri continenti. I migranti dai Paesi in guerra o che subiscono situazione in cui è assolutamente impossibile vivere, giunti in Europa nel 2015 ammontano a circa 5milioni a fronte di una popolazione dell’Unione che sfiora i 500milioni.

Risulta davvero impossibile accogliere queste persone e dare loro una adeguata sistemazione?

L’Europa non è in grado di far fronte ad una emergenza di flussi che è destinata solo ad aggravarsi? Cosa vi è di sbagliato nelle politiche europee che dovrebbero arginare o risolvere questa situazione? La prima cosa di cui dobbiamo renderci conto è che siamo di fronte ad un esodo biblico. In questo momento, secondo le fonti ufficiali, ci sarebbero oltre 60milioni di persone in movimento, uomini, donne e bambini che stanno migrando. Il numero di uomini che vive sotto la soglia minima di sopravvivenza è impressionante e non accenna a diminuire.

La seconda cosa di cui dobbiamo prendere coscienza è che ciò che è in pericolo è il nostro status di europei, il nostro territorio, il modo di vivere, le consuetudini, le certezze.

Riccardo Fagioli
Riccardo Fagioli

La terza cosa è che la disperazione non si ferma con i muri, gli steccati o i cannoni. Non c’è frontiera o filo spinato che possa arginare chi non ha niente da perdere e sa che se rimane ove si trova è destinato a morte certa.

Ciò che dobbiamo fare, quindi, è incrementare in modo esponenziale i progetti di solidarietà e cooperazione internazionale. Ciò che è necessario, per la salvezza dell’Europa, è sradicare alla radice le ragioni che inducono i migranti a fuggire verso le nostre coste.

Per fare questo deve cessare quella politica miope, mediocre e meschina che investe in missioni militari e nel respingimento di poveri disperati che chiedono aiuto e si deve passare ad impiegare tali denari in progetti di cooperazione internazionale che coinvolgano direttamente la popolazione locale.

Noi italiani in ciò saremmo avvantaggiati potendo contare su molte organizzazioni no-profit già presenti nei continenti più poveri e soprattutto sui nostri missionari che da secoli sono impegnati in tale soccorso agli ultimi tra gli ultimi. Tuttavia si deve intensificare una politica sovranazionale contro lo strapotere di tutti quelli attori economici, multinazionali in primis, che continuano ad arricchirsi sulla miseria e morte di miliardi di poveri.

Ogni città europea deve adottare una comunità africana o asiatica co-finanziando costruzione di scuole, ospedali etc., il mercato equo solidale deve diventare la regola e non l’eccezione. Alla fine, se guarderemo al mondo cercando e donando giustizia, ne avremo beneficio anche noi, se saremo egoisti e miopi credo che la situazione non potrà che peggiorare per tutti.

Riccardo Fagioli
Presidente Associazione “Culturidea”

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento