la sanità dell’aria. INCENERITORE VERSO L’EPILOGO?

Anticeneritoristi
Anticeneritoristi

AGLIANA-PIANA. Dopo tutto quello che è stato scritto (vedi), siamo davvero sorpresi della sufficienza di certi personaggetti che, sull’inceneritore di Montale, incominciano solo adesso a gridare “al lupo, al lupo”, mentre fino a pochi mesi fa, erano altrimenti determinati perché: “… credevano agli organi di controllo, Arpat Toscana e Usl (la 4, oltre alla 3 – n.d.r.) se loro non dicono di chiuderlo, vuol dire che per noi va bene…”.

Questo ci disse il primo dei Sindaci dei Comuni con il territorio esposto alle ricadute: Montemurlo.

Oggi, sembra che il mondo si stia rovesciando, dato che nella Piana, sono stati emanati dei pareri (Arpat prima, il 12.10; e Usl 3 lo scorso 10.11) che, insieme, sono peggiori di una bomba, anche se la parola più categorica, pertinente e chiara, “chiusura”, non viene mai citata, essendo… politically uncorrect.

Appare evidente, però, che le carrettate di cacca non sono ancora finite: il dott. Egisto Bagnoni, Presidente dell’Ordine dei Medici di Pistoia, ci prega di non sollecitarlo più al telefono con le richieste di intervento, dato che  la nota dei medici dell’ordine è all’esame urgente del consiglio intero e sarà pubblicata al più presto.

Noi, però, abbiamo capito che la “piena” starebbe per arrivare, e che nei prossimi giorni, probabilmente, assisteremo a un’esondazione che sommergerà gli inceneritoristi, anche di là d’Agna.

Si incomincerà, infatti, il prossimo 20 novembre a Oste di Montemurlo, dove Mauro Lorenzini è invitato dal Comitato anticeneritorista per una lettura degli atti: a lui, piace così e sarà accontentato dalla pedissequa lettura delle relazioni disponibili, curata da semplici cittadini senza alcuna specifica competenza medica.

Sul teatro della trentennale vicenda dell’inceneritore, sono cambiate alcune presenze di garanzia e, non ultima, è chiaramente la gestione dell’impianto che vedrà l’uscita di scena della Ladurner.

Ora che la partita va verso la chiusura, il P[artito] D[egli inceneritoristi] non ha scrupoli a prendere a calci chi deve essere espulso. La correttezza, non è acqua: e loro lo sanno bene. Sono oramai finiti i tempi delle belle settimane di vacanza fatte sulle amene Dolomiti. E presto, appunto, potrebbero arrivare notizie anche dal Trentino Alto Adige…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento