LA SANITÀ ROSSIANA, L’ASL 3 E L’IMPARZIALITÀ

Baldi e la sanità Asl 3
Baldi e la sanità Asl 3

PISTOIA. Valerio Bobini, presidente del Crest (emergenza sanitaria toscana) ci scrive:

Con la presente vi inviamo in allegato il volantino di un’iniziativa connessa alla campagna elettorale di un candidato alle prossime elezioni regionali che vede la partecipazione di un dirigente della Asl 3 di Pistoia nella sua funzione e nel suo ruolo istituzionale (responsabile di area 118).

Vi invitiamo ad effettuare approfondimenti e valutazioni in merito all’opportunità di questa adesione ad un evento politico chiaramente promozionale, considerato che un’Azienda Sanitaria con i suoi dirigenti dovrebbe mantenersi imparziale e lontana dalla campagna elettorale di qualsivoglia partito politico.

Certo di un suo riscontro, in attesa di comunicazioni, porgo cordiali Saluti.

Valerio Bobini
Presidente Crest

 


 

QUANDO UN SOLO PARTITO COMANDA

 

Non c’è più religione...
Non c’è più religione…

Caro Bobini,
quando un solo partito comanda, creda: ci possiamo aspettare di tutto. E ci possiamo aspettare anche che qualcuno ci risponda: «Ma allora, se sono un dirigente, non ho diritto di avere una mia idea personale?».

Certo che un dirigente ce l’ha, il diritto di avere una propria idea personale. Se poi, però, lo tenesse, questo suo diritto, molto riservato per motivi di opportunità e per evitare evidenti elementi di “propaganda fide”, meglio farebbe: anzi, credo che farebbe l’obbligo del suo dovere.

Ma ormai non c’è più religione. Da nessuna parte. A iniziare dal Vaticano. E i torti li hanno solo quelli che non vincono le elezioni – o che non hanno a disposizione un Presidente della Repubblica che dà, “a babbo morto”, tre Presidenze del Consiglio a tre illustri sconosciuti che nessuno ha mai votato e che non rappresentano assolutamente nessuno di noi.

E lei, presidente Bobini, si fa meraviglia di un Paolini che, in nome di un suo diritto personale, calpesta, con questa sua esplicita partecipazione, il diritto alla terzietà imparziale di tutti i pistoiesi soggetti al potere dell’Asl 3?

Perché questo è il potere: il poter fare quel che si vuole sicuri che nessuno oserà mai dire nulla o, se dirà, certi che nessuno farà un bel niente in proposito. Nemmeno un richiamo scritto a doveri non scritti, ma innati nell’etica.

PD: Partito Dominante/Partito Democristiano. Cambia qualcosa…? O prenderemo una querela solo perché abbiamo liberamente espresso un nostro punto di vista ex art. 21 della Costituzione?

Edoardo Bianchini

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “LA SANITÀ ROSSIANA, L’ASL 3 E L’IMPARZIALITÀ

Lascia un commento