LADRI E PENSIONI, PENSIONI E LADRI

Un servizio di Ballarò
Un servizio di Ballarò

PISTOIA. Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un nostro lettore:

I Rom rubano, tutti quelli che cercano speranza sopravvivenza venendo con un barcone sono ladri delinquenti portatori di malattie e se non rubano denaro rubano lavoro… comunque ladri.

Nella Repubblica di nani e ballerine chi ruba la mia Pensione, la mia salute, il mio sottomettere, sono i Politici che con il loro profitto impediscono a me cittadino di andare in pensione dopo 35 anni di onorato servizio, dove con leggi proprie e votate da loro stessi ci costringano a stare a lavoro fino a 42 anni (già ma noi siamo fortunati perché abbiamo lavoro) per poi andare con un sistema che si chiama contributivo dove ti fa perdere un buon 25% 30% del tuo stipendio.

Sicuramente pure noi siamo ladri, scagli la prima pietra chi non ha peccato, ma sicuramente quando e se andrò in pensione, posso dire di non aver vissuto alle spalle della gente, di avere poco o tanto guadagnato con il mio sacrificio.

Ma mi chiedo con quale coraggio uno si deve arricchire avendo posizioni e ruoli che sono in sostanza distruttivi per il bene del Paese ruoli di comando assegnati per Partitocrazia e non per meritocrazia, non lo so ma la mattina quando si guardano allo specchio sorridano a un nuovo giorno.

Forse rimarrete sempre della stessa opinione che i ladri si chiamano i diversi gli extracomunitari ma vi invito a guardare e soprattutto ad ascoltare bene questo servizio.

I vitalizi dei politici raccontati da Alessio Lasta Rai.Tv: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-9313f235-8710-47bf-85b5-c7296f1eb0a4.html

a.g.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “LADRI E PENSIONI, PENSIONI E LADRI

  1. Gentile Lettore Sconosciuto (GLS…mi perdoni ma non capirò mai perchè in questo paese la gente non si firmi nemmeno per esprimere un’opinione per nulla diffamatoria…) Lei mischia capra e cavoli.
    I politici corrotti, ci sono, hanno nomi e cognomi e vengono, votati in massa dalle persone “comuni” (vedi Roma…ma Pistoia nel suo piccolo si fa onore coi rinviati a giudizio…non è la stessa cosa…ma nei paesi civili non accade), le stesse che scaricano il boiler dell’acqua nelle scarpate, che non si fermano alle strisce pedonali e a volte passano col rosso, che parcheggiano davanti ai passi carrabili, che non raccattano le cacche dei cani, che se lavorano in un ufficietto qualsiasi, da cui dipende il lavoro di un’altro, pretendono la mazzetta, se la posta in palio è decente o almeno il “ceppo” a Natale…insomma parlo di…noi italiani.
    Il problema dei Rom, è un problema del tutto particolare, che esiste, ed è causato in parte dai Rom stessi (quelli che vivono di furti, truffe ed espedienti vari) e in parte dallo Stato italiano, unico in Europa ad aver scelto la soluzione ghettizzante e costosa dei campi per gestire questa etnia. Ricordo che in italia sono 160.000 di cui la metà italiani, che nel resto d’Europa sono milioni (in Romania 2 milioni ) e non creano tutti i problemi che creano qui, per il solito motivo…in Italia si fanno le cose col culo. Si fanno dei campi di concentramento, dove vige l’extraterritorialità rispetto alle leggi dello stato: quelli che vivono nei campi (una minoranza rispetto alla maggioranza che vive integrata in normalissime case con normalissimi lavori) ricevono sussidi che basterebbero a chiunque per vivere dignitosamente e mandare i figli a scuola…invece no…questi, e diciamolo senza fare sempre i corretti, spesso mandano i figli ai semafori quando va bene…spesso sono intestatari di patrimoni di cui non sono in grado di giustificare la provenienza…quindi se gli altri cittadini si arrabbiano hanno tutte le ragioni. Il razzismo è un’altra cosa.
    Veniamo agli immigrati: la verità, spiacevole per i Salvini di turno, è che, in un paese sempre più vecchio, sono forza lavoro che serve a pagare la pensione anche agli italiani pensionati (ladri) da 15 anni 9 mesi e un giorno o vitaliziati vari….infatti ci sono calcoli precisi che dicono che il surplus , al netto delle spese sostenute, dello Stato italiano, nell”affare” immigrazione è pari a 2 miliardi di euro l’anno. Insomma, se non ci fossero sarebbe difficile pagare tutte le pensioni. D’altro canto la Germania riceve ogni anno il doppio di immigrati eppure se andate a Colonia, piuttosto che a Berlino o a Lubecca, non ne vedete uno a chiedere l’elemosina, a vendere merce contraffatta e men che meno a dormire nelle fogne. Perchè questo? Perchè quella è una Nazione…noi siamo una nazione o stazione (molto sporca) faccia Lei.
    Cordialmente
    Massimo Scalas

Lascia un commento