lamporecchio. LA POSIZIONE DEL PCI RIGUARDO IL FRANTOIO

La struttura di via Giugnano

LAMPORECCHIO. Il comitato di Sezione del PCI di Lamporecchio ritiene un grave errore la scelta sottaciuta e imperativa fatta dal consiglio di amministrazione dell’Oleificio Cooperativo Montalbano in merito alla questione della chiusura del Frantoio di Lamporecchio e la dismissione di tutta l’area Agricoop.

Il primo motivo perché non si chiudono stabilimenti ma una storia e un punto di riferimento, visto che queste due strutture (Frantoio e Agricoop) sono state la spinta propulsiva alla nascita e allo sviluppo della nostra comunità e della cooperazione nella provincia di Pistoia e altrove.

Il secondo motivo perché si dismette un servizio nella zona Lamporecchio e Larciano per le aziende associate, creando enormi disagi e aumento dei costi aziendali, costringendo i produttori ad andare fino a Vinci per frangere le olive. Come si sa, per produrre l’olio di qualità, le olive si devono frangere quanto prima possibile, quindi, in una campagna di raccolta, si possono raggiungere anche i 15/20 viaggi.

Chiediamo al consiglio di amministrazione dell’Oleificio Cooperativo Montalbano di rivedere questa decisione e iniziare un percorso di approfondimento con tutti i soci del territorio, che sono le fondamenta delle cooperative, per elaborare soluzioni alternative, al fine di ottimizzare, rilanciare e rivalorizzare queste due aree, mantenendo così un servizio sul territorio alla comunità agricola e all’utenza locale.

 PCI Sez. Lamporecchio

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email