lamporecchio. PD: «NON ACCETTIAMO LEZIONI DA CHI FOMENTA LA GIUSTIZIA “FAI DA TE” MA POI VOTA CONTRO LA SICUREZZA DEL NOSTRO PAESE»

“Non siamo disposti ad accettare il clima di caccia alle streghe fomentato anche da alcuni consiglieri comunali di opposizione”

Furto in casa [repertorio]
LAMPORECCHIO. I furti e i tentati tali che negli ultimi giorni hanno preoccupato i nostri cittadini sono al centro delle nostre attenzioni ed infatti oltre ad essere umanamente vicini a tutti coloro che hanno subito un danno ed essere già stati nelle frazioni per ascoltare e capire, i programmi del Partito Democratico di Lamporecchio in questi anni sono stati chiari in tema di sicurezza e la nostra amministrazione ha lavorato per attuarli e rendere più sicuro il nostro Paese.

Videosorveglianza pubblica e privata, maggiore collaborazione con le forze dell’ordine, strumenti di connessione tra la popolazione e la polizia municipale, accordi e protocolli con la Prefettura e soggetti privati, tutto in attesa che il governo centrale tolga i vincoli sull’assunzione di nuovo personale, che, è bene ricordarlo, il governo Giallo Verde, quello del rigore e dei controlli di cui il M5S era maggiore azionista, non ha assolutamente mai fatto e nemmeno pensato di fare.

Vogliamo, però, essere chiari: il PD di Lamporecchio rigetta ogni forma di politica dell’odio e non è disposto ad accettare il clima di “caccia alle streghe” fomentato anche da alcuni consiglieri comunali di opposizione che, loro malgrado, non possono permettersi di dare lezioni sul tema, considerando che quando si è trattato di compiere il ruolo per cui sono stati eletti dai cittadini, ossia esprimere il loro voto in consiglio comunale, i loro partiti hanno spesso votato contro la sicurezza di Lamporecchio.

Vogliamo ricordare, infatti, ai cittadini e al consigliere Parlanti, oggi principale accusatore dell’amministrazione, che evidentemente si è dimenticato o forse ha volutamente omesso, che nel corso del 2019, ad esempio, il M5S prima non si è opposto al regolamento di video sorveglianza ma contestualmente ha votato sia contro il bilancio previsionale 2019-2021 che finanziava il rafforzamento dello stesso sistema di video-sorveglianza sia contro le detrazioni Imu a favore di coloro (cittadini e imprese) che installano sistemi di telecamere sui propri immobili.

E forse dobbiamo ricordare a Parlanti anche che il Ministro della funzione Pubblica, autorità che può decidere sull’aumento degli organici della Polizia Locale, è del M5S?

Cerchiamo, quindi, di ristabilire un pò di verità dei fatti: tutte le iniziative in tema di sicurezza di cui possono beneficiare i cittadini di Lamporecchio sono state portate avanti e approvate dalla nostra amministrazione, senza il contributo del M5S che, malgrado ora corra a riempire le pagine dai social per avere visibilità, quando c’è stato da votare a favore della sicurezza di chi dice di voler rappresentare, a Lamporecchio come a Roma, spesso non lo ha fatto.

[pd lamporecchio]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email