lamporecchio. QUATTRO “PIETRE DI INCIAMPO” PER RICORDARE GLI EBREI

Di fronte al teatro Comunale, a lato della biblioteca Don Siro Butelli, in via Costituzione, saranno ricordati gli ebrei vissuti a Lamporecchio e internati ad Auschwitz

Quattro pietre di inciampo

LAMPORECCHIO. Un piccolo blocco di pietra, di cm 10X10, ricoperto di ottone lucente nella parte superiore. Ecco come si presenta una Pietra d’Inciampo. Ma nasconde al suo interno tutta la forza di chi, deportato, quasi mai ha fatto ritorno alla propria casa, ai propri affetti, alla propria vita.
In Europa sono più di 70.000 le pietre d’inciampo posizionate, sparse in tutti i paese dove sono stati catturati donne, uomini e bambini, vittime della ferocia nazista. Nascono da un’idea dell’artista tedesco Gunter Demnig, come reazione a ogni forma di negazionismo e oblio e l’amministrazione comunale è orgogliosa di contribuire a questo progetto per la memoria.

Saranno infatti posizionate, di fronte al teatro Comunale, a lato della biblioteca Don Siro Butelli, in via Costituzione, quattro pietre d’inciampo, a perenne memoria di altrettanti ebrei vissuti a Lamporecchio e deportati ad Auschwitz. Sono i fratelli Aldo e Giovanni Moscati, Ildebrando Trevi ed Enrico Menasci.

Di questi, solamente il primo, Aldo Moscati, riuscì a sopravvivere e a far ritorno a casa, e fu menzionato più volte dallo scrittore Primo Levi nei suoi racconti, suo amico e compagno nell’orrore dei campi.
“Saremo uno dei primi comuni della provincia” afferma il vicesindaco Daniele Tronci, “a installare queste pietre, il progetto è nato qualche anno fa, nell’ambito del protocollo d’intesa che ci raggruppa insieme ad Anpi sezione di Lamporecchio e Larciano, Istituto storico della Resistenza di Pistoia, associazione culturale Orizzonti e Accademia di Masetto.

Obiettivo di questo protocollo d’intesa è ripercorrere la strada della memoria e da questo gruppo di lavoro nasce appunto l’iniziativa delle pietre d’inciampo”.
“Avevamo in programma — aggiunge l’assessore alla cultura Monica Cetraro — di posizionare e inaugurare le pietre proprio in occasione della ricorrenza del Giorno della memoria, ma per ovvi motivi legati al Covid abbiamo deciso di posticipare l’evento, proprio perchè vogliamo dare a questa iniziativa lo spessore importante che merita, coinvolgendo la cittadinanza in un momento di importante memoria collettiva”.

[volpi — comune di lamporecchio]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email