«L’ANGELO NELLE NOVE» DI FRANCESCA REGGIANI

Una storia attuale tra comicità, sentimenti veri e corteggiamenti ai tempi di Internet
Francesca Reggiani
Francesca Reggiani

PISTOIA. La precarietà perno dell’esistenza di una donna, negli affetti, in famiglia, nel lavoro, con il sogno di incontrare il regista Quentin Tarantino e che crede nelle carte: è la storia del romanzo dell’attrice e comica Francesca Reggiani, “L’angelo nelle nove” pubblicato da Baldini & Castoldi, secondo libro dell’artista dopo “Tutto quello che le donne (non) dicono” raccolta di suoi spettacoli teatrali, già nota al grande pubblico tra le protagoniste del programma televisivo “La tv delle ragazze” di e con Serena Dandini su Raitre e poi “Avanzi” sempre sulla terza rete pubblica.

Il romanzo, tra racconto e commedia, riporta un celebre aneddoto accaduto realmente quale l’incontro casuale di Lucia Bosè, allora commessa di pasticceria a Milano, con il regista Luchino Visconti che la scrittura immediatamente. Il sogno di tutti gli attori e di tutte le attrici incontrare un regista, sottolinea Reggiani.

Il titolo dell’opera, “L’angelo nelle nove”, prende spunto dalla passione per la lettura delle carte della protagonista, Carla, sperando sempre che esca l’angelo nelle nove che porta fortuna ed esorcizzando poi i fatti negativi della vita quotidiana con il lavoro in tv, visto che gli affetti sono intermittenti, il padre se n’è andato, nonostante il lavoro di per sé comporti alti e bassi.

Una storia odierna dunque quella rappresentata nel romanzo di Francesca Reggiani, tra comicità, sentimenti veri e corteggiamenti ai tempi di Internet. Da leggere.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento