larciano. LISA AMIDEI CONFERMATA CANDIDATA SINDACO PER LE AMMINISTRATIVE

Guiderà una lista civica sostenuta da Pd, Italia Viva, Psi, articolo 1, Sinistra italiana e da liberi cittadini

LARCIANO. Con la comunicazione ufficiale che le consultazioni elettorali si svolgeranno il 3 e il 4 ottobre prossimi, Larciano si prepara a dare il via alle elezioni amministrative, dopo uno slittamento di qualche mese. La lista civica sostenuta da Pd, Italia Viva, Psi, articolo 1 e sinistra italiana e da liberi cittadini, con candidato a sindaco, all’unanimità l’uscente Lisa Amidei.

Non è un caso, ma il frutto di un lavoro intenso e, in gran parte portato a termine, in cinque anni di amministrazione all’insegna dell’interesse del paese.

Alti e bassi non sono mancati ma, quando lo scopo è il bene comune e l’impegno è intelligente ed assiduo, arriva sempre il giusto riconoscimento del proprio operato. Una coalizione, quindi, che approva il fatto e condivide il da fare.

I temi non possono non essere cavalcati all’unanimità quando spaziano dal riassetto urbano e viario (in virtù di una volontà di rendere più fruibili e accessibili gli spazi già esistenti), alla valorizzazione turistica del patrimonio esistente (dai borghi di Cecina e Larciano al Padule).

Dalla spinta alla scuola, alla cultura e al tempo libero, alla valorizzazione degli spazi di aggregazione soprattutto riferiti ai giovani, senza dimenticare la terza età.

Dalla casa della salute alla pianificazione di servizi utile a rendere più efficace il sistema delle cure con la corresponsabilizzazione del cittadino.

Dal riconoscimento delle realtà economiche già esistenti, alla spinta a che se ne formino nuove, senza stravolgere il territorio, ma con progetti di sviluppo sostenibile dal punto di vista economico ed ambientale.

Larciano è pronto.

[impegno comune larciano]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email