L’ASL 3 FA REGALI A LIVORNO: MISTERI DELLA SANITÀ?

Se le attrezzature donate non sono più idonee a Pistoia, come mai invece lo sono a Livorno?
Ospedale San Jacopo Pistoia. Ora ci sono più letti di prima!
Ospedale San Jacopo Pistoia

PISTOIA. [a.b.] Nuovo Ospedale San Jacopo, nuovi arredi “funzionali alla nuova logistica del Presidio”. E così nel nome della “riorganizzazione delle varie attività” l’Azienda Usl 3 ha provveduto a “dismettere” alcune attrezzature “ritenute non più idonee” provenienti dal Ceppo.

Attrezzature (nella fattispecie trattasi di circa 190 “Letti oleodinamici articolabili (completi di sponde) e di 100 comodini completi di tavolo servitore”) che hanno preso il volo per Livorno dove l’Azienda Usl 6 guidata dal dottor Eugenio Porfido ha evidenziato “un possibile, utile, reimpiego”.

Dal momento che – come si evince nella delibera del direttore generale dell’Asl 3 dottor Roberto Abati – “le attrezzature oggetto di dismissione risultavano essere tutte interamente ammortizzate” ne è stata decisa la cessione a titolo gratuito.

Tutti gli oneri conseguenti allo smontaggio, imballaggio e trasporto sono stati interamente posti a carico dell’Azienda Usl 6 di Livorno.

Una domanda ci sorge spontanea: se le attrezzature a Pistoia non sono più idonee come mai invece lo sono a Livorno?

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

6 thoughts on “L’ASL 3 FA REGALI A LIVORNO: MISTERI DELLA SANITÀ?

  1. Bella domanda! E sarà il caso che qualcuno risponda, possibilmente non in politichese, possibilmente non con parole insignificanti da velineria dell’apparato, come altre volte abbiamo visto.
    Il grande megadirettore Abati ha niente da dire, per esempio? E finchè non ci saranno risposte, incalziamolo ben bene, lui ed eventuali altri aventi titolo, con un bel pressing a tutto campo (mi si passi la metafora calcistica).
    Piero Giovannelli

  2. Facciamo il classico conto della serva:

    -190 letti oleodinamici con sponde, prezzo medio di mercato circa 1000 euro cadauno = 190.000 euro
    -100 comodini con tavolo servitore, prezzo medio di mercato circa 600 euro = 60.000 euro

    -Regalo totale alla Ausl 6 di Livorno = 250.000 euro

    Visti i tagli apportati di recente da Rossi alla Sanità Toscana ironicamente direi che la Asl 3 di Pistoia denota il possesso dei classici poderi al sole altrimenti si spiega male l’omaggio a Livorno.
    Non dico molto altro per adesso tranne il fatto che Abati NON è il proprietario dell’Ospedale ma un semplice Direttore che dovrebbe gestire oculatamente le misere risorse che ad ogni passo palesano ma che poi con gesti simili fanno pensare a ben altro. Ci metterei anche i concerti e le bande musicali come sperpero di denaro pubblico. Non guasta mai ricordarlo.
    Interessante il commento della signora Emanuela.
    Cordiali saluti

  3. Bravo Maurizio Giorgi, ottime osservazioni. Ed allora, con i volenterosi che ci stanno, del Suo movimento, ma anche altri, organizzi davvero Lei il bel pressing a tutto campo che dicevo nel commento del 16/2. Con questa gente ci vuole una marcatura rude, asfissiante e senza complimenti. Per la cronaca, stamani ero al San Jacopo verso le 9.30. Al pian terreno sembrava di essere in un suk mediorientale (e, immagino, che un’ora dopo sarà stato anche peggio). Poco personale, comunque gentile e preparato, ma insufficiente a riparare a tutto. In questa situazione c’è bisogno di medici ed infermieri, non di megadirettori, di yes men e di servi dei padroni di nomina granducale. Diciamolo chiaramente ed in tutte le sedi possibili!
    Complimenti anche da parte mia alla sig.ra Emanuela.
    Piero Giovannelli

Lascia un commento