lavoratori & diritti. SCIOPERI E RIPOSI? SONO MORTI E SEPOLTI

sciopero Copia di 25 aprile 2016-1PISTOIA. Le Segreterie Regionali Filcams, Fisascat e Uiltucs hanno proclamato lo sciopero del commercio per le festività del 25 aprile e 1° maggio.

Si ribadisce la contrarietà ad aperture domenicali e festive senza regole. La conseguenza di aperture totalmente liberalizzate non è stata un aumento di posti di lavoro, ma soltanto di peggiori condizioni di chi nel settore ci lavora.

Tenere aperti i negozi inoltre in festività come il 25 aprile o il 1° maggio non serve certo a riconoscere il valore civile e l’importanza di festività come la Liberazione o la festa dei lavoratori, ma soltanto a trasformarle in normali giorni da acquisti.

Anche sul territorio pistoiese purtroppo assisteremo anche quest’anno ad un 25 aprile con tutte le insegne della grande distribuzione aperte, ad eccezione di Unico Firenze, che nel suo integrativo ha riconosciuto indisponibili all’apertura alcune festività.

Purtroppo, notizia di ieri, anche il 1° maggio vedremo qualche insegna aperta, ad es. Conad di v.le Adua e del Fagiolo.

Filcams, Fisascat e Uiltucs ribadendo la contrarietà alle aperture festive, ritengono davvero grave che le aziende, che dovrebbero avere una responsabilità sociale (lo dice la nostra Costituzione), riducano queste importanti date per la storia del nostro Paese e non solo, a momenti di ricerca profitto.

Filcams Cgil Pistoia
Luisella Brotini
Fisascat Cisl Pistoia
Aniello Montuolo
Uiltucs Uil Pistoia
Angela Brigheretti

Ascolta: https://www.youtube.com/watch?v=_DP9dxUfxWU

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “lavoratori & diritti. SCIOPERI E RIPOSI? SONO MORTI E SEPOLTI

  1. Buona sera. in realtà le regole esistono. potete dire che non vi piacciono ma ci sono. Personalmente evito di andare a fare la spesa la domenica o durante le festività. Mi metto nei panni dei lavoratori, vedo dei padri e delle madri ed evito. Però, c’è un però…che è precisamente che tutto ciò non avverrebbe se le persone non affollassero i centri commerciali la domenica. Come consumatori abbiamo un potere enorme, poichè nulla avviene nelle attività commerciali se non esiste il guadagno. basta la domenica stare a casa, leggere un libro, parlare coi figli e la moglie, andare nei boschi a passeggiare….invece pare che la cosa non funzioni così. E chi decide di tenere aperto lo sa. Triste per me, ma evidentemente non per altri. Molti.

    Massimo Scalas

Lascia un commento