le nebbie di avalon. ANCHE BATMAN COMINCIA A STUFARSI: COME SONO ANDATE A FINIRE DUE O TRE COSETTE STRANE DI AGLIANA?

Valentina Noligni, ex assessorA al bilancio

 

AGLIANA. È passato del tempo dalla caduta della giunta già commissariata da Rino Fragai.

Alcuni osservatori ci dicono che impulso decisivo al “ribaltone” è stata l’immagine dell’assessore Valentina Noligni, adornata dal candido pellicciotto in lapin durante una manifestazione pro immigrazione.

Un’immagine iconica che avrebbe dato avvio all’effetto domino delle dimissioni per fare un sabotaggio all’amministrazione Mangoni ma che ha anche portato Agliana alla liberazione del 10 giugno dai 74 anni di dominazione rossa.

Oggi si sono aperti numerosi capitoli di malagestione del Comune di Agliana, ma servono dei chiarimenti alla cittadinanza e dunque richiamiamo i temi:

la vicenda delle “aggiunte economiche” alla Cooperativa Pane & Rose (i due articoli sono qui e qui, con la spicciolata di determine dell’affaire).

La ex assessorA Luisa Tonioni vuole risponderci anche alle domande sulla vicenda di Ancinnovazione?

La protagonista è stata la allora assessorA e oggi consiglierA di minoranza Luisa Tonioni che oggi siede in consiglio comunale accanto a Lorenzo Romiti.

Anche Batman aveva perso la pazienza

Noi non abbiamo però dimentichiamo la questione dell’affidamento di un incarico di oltre 32.000 euro alla società Ancinnovazione srl: un atto illegittimo (Ancinnovazione era già in liquidazione volontaria dall’ottobre) partito su impulso di una banale mail convenzionale spedita dal commissario Fragai alla dirigente della segretaria e affari generali Elena Santoro, mail che dette l’avvio alla contestazione.

Dopo l’uscita dell’articolo, Fragai rispose nel  marzo successivo a una interrogazione del consigliere Fabrizio Baroncelli, proponendo al consiglio comunale una supercàzzola farcita di trappole argomentative ammantate da burocratese schietto. Ma ciò basto a chiudere la pratica, almeno sul piano delle formalità.

La dottoressa Elena Santoro

Oggi che si sono calmate le acque, potrebbe risponderci la dirigente affari generali Elena Santoro. Che ne è stato dei 32.216 euro previsti dalla determina di spesa: sono o non sono usciti dalle casse dell’amministrazione, che non ha poi eseguito alcuna “associazione di servizi comunali”? Si può avere una risposta univoca in modo chiaro, esauriente e definitivo?

La domanda la rivolgiamo anche alla segretaria generale dottoressa Paola Aveta.

[redazione@linealibera.info]


  

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email