LE NUOVE NORMATIVE FITOSANITARIE EUROPEE

A Confagricoltura Pistoia un incontro alla vigilia dell’applicazione: dall’obbligo di passaporto a tutte le piante alla migrazione dal Rup al Ruop Il 12 dicembre ci sarà anche Monica Guastini del Servizio fitosanitario regionale a sciogliere gli ultimi dubbi ai vivaisti
Monica Guastini

PISTOIA. Dal 14 dicembre gli operatori del settore florovivaistico saranno tenuti ad applicare il nuovo regime fitosanitario imposto dal Regolamento UE n. 2031 del 2016 contenente le misure di protezione contro gli organismi nocivi per le piante, che ridefinisce tutta la normativa europea in materia.

I cambiamenti sono molteplici e comprendono, fra le altre cose, l’estensione dell’obbligo di passaporto fitosanitario a tutte le piante da impianto e della sua apposizione su tutti i lotti commercializzati, sistemi di tracciabilità che identifichino fornitori e acquirenti lungo tutta la filiera, una nuova classificazione degli organismi nocivi in relazione a pericolosità e rilevanza, maggiori controlli e una ridefinizione e maggiore responsabilizzazione degli operatori professionali autorizzati all’emissione di passaporti.

Due giorni prima di questa data, cioè giovedì 12 dicembre alle ore 17, Confagricoltura Pistoia organizza nella propria sede (via Copernico 96/A) un incontro aperto a tutti i vivaisti per confrontarsi e chiarire gli ultimi dubbi sui vari aspetti formali e passaggi burocratici dell’applicazione di tale regolamento.

Silvia Melani

All’incontro interverranno, oltre a Silvia Melani dell’Ufficio Tecnico di Confagricoltura Pistoia, Monica Guastini del Servizio fitosanitario regionale della Toscana, che risponderanno a tutte domande dei partecipanti.

Ad esempio su come cambia la prima parte del codice identificativo dei vivaisti con la migrazione dal vecchio Rup (Registro unico produttori) al nuovo Ruop (Registro ufficiale degli operatori professionali).

Oppure su che cosa succede agli operatori professionali in possesso di sola autorizzazione ex art. 19 D.lgs 214/05 (che trattavano piante prive di obbligo di passaporto). O ancora sui requisiti formali e le diciture delle etichette che funzionano da passaporti delle piante, compresi i codici di tracciabilità in relazione ai centri aziendali da cui provengono le piante, e su come vanno apposte sulle unità di vendita.

Senza dimenticare i temi delle tariffe fitosanitarie e delle comunicazioni annuali.

Per ulteriori informazioni telefonare allo 0573-21231 o scrivere alla mail pistoia@confagricoltura.it.

[sandiford – confagricoltura pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email