LEGNO ROSSO. PER IL MONUMENTO DI LINNEO C’È ANCORA TEMPO

La risposta dell’Assessore Tuci all’interrogazione del Consigliere Andrea Betti. Il progetto è stato reinserito nel piano di investimenti 2014-2016 ed è in attesa di finanziamento
Legno Rosso: la colonna... senza Linneo
Legno Rosso: la colonna… senza Linneo

PISTOIA. Il Consigliere Andrea Betti aveva chiesto a che punto fosse la situazione del monumento a Linneo tolto da tempo dalla sua stele e sparito (ma scopriamo che è conservato ai cantieri comunali) dalla vista degli uomini.

Lo chiese a giugno e ora l’Assessore Tuci risponde così:

Al Consigliere Comunale
Andrea Betti
e p.c.
Al Sindaco
Egr. Sig.
Dott. Samuele Bertinelli
Al Presidente del Consiglio Comunale
Egr. Sig.
Avv. Prof. Alberto Niccolai

Oggetto: Interrogazione del 25 Giugno 2014 – Monumento al Linneo, Piazzetta Legno Rosso, Loc. Capostrada.

Egregio Consigliere Comunale Andrea Betti,
con riferimento all’interrogazione in oggetto, su delega del Sindaco ai sensi dell’art. 21, comma 3, del Regolamento sul funzionamento e l’organizzazione del Consiglio comunale, allego la relazione fornita dal Funzionario U.O. Edilizia Comunale, Arch. Nicola Stefanelli.

Nella speranza di aver fornito risposta esaustiva, porgo i migliori saluti.

Mario Tuci

COMUNE DS PISTOIA Servizio Lavori Pubblici e Sport
U.O. EDILIZIA COMUNALE Via XXVII Aprile, 17
51100 Pistoia Tel. 0573/3711 Fax 0573/371676

Spett.le
Assessore Lavori Pubblici
Tuci Mario Sede

OGGETTO: Monumento al Linneo, Piazzetta Legno Rosso, Loc. Capostrada. Interrogazione del Consigliere Comunale Andrea Betti.

In riferimento alla vs. richiesta, con la presente si comunica quanto segue.

A seguito di numerose segnalazioni e di specifici sopralluoghi, con Verbale del 27.11.2007 il Servizio Lavori Pubblici aveva affidato alla Ditta Fiori & C. snc di Pistoia un intervento urgente di messa in sicurezza del Monumento al Linneo situato nella Piazzetta Legno Rosso, Loc. Capostrada.

L’intervento urgente era motivato dall’accertamento di un avvenuto dissesto del monumento e in particolare la struttura, composta da un basamento in muratura e da una stele con collocata all’estremità la statua, presentava anche a vista un inclinazione nella parte superiore e alla base lesioni per distacco tra stratificazioni di muratura, peggiorate probabilmente nel tempo anche nella parte interna della struttura.

 

La lettera della Soprintendenza
La lettera della Soprintendenza

Tenuto conto della tutela della pubblica incolumità delle persone che transitano di fronte al monumento e per evitare possibili gravi danni risultò necessario provvedere con sollecitudine alla esecuzione di alcune opere e in particolare:

  • la recinzione e delimitazione dell’area di cantiere con segnaletica;
  • il montaggio di ponteggio metallico sul perimetro della struttura;
  • lo smontaggio delle porzioni deformate della struttura nella parte sommitale tramite autogrù con operatore (la statua è stata rimossa ed è attualmente custodita in una cassa protettiva presso il cantiere comunale);
  • opere in economia per primo intervento di verifica e fermatura del distacco di porzione di materiale.

Il Servizio Lavori Pubblici ha elaborato il progetto definitivo di restauro del monumento (composto da Relazione Tecnica – Documentazione fotografica – Computo metrico estimativo e quadro economico di spesa, agli atti d’ufficio) con un costo complessivo stimato in € 70.000,00.

La soprintendenza ha approvato il suddetto progetto di restauro con parere prot. n° 21006 del 4.11.2013 (allegato alla presente – scarica Soprintendenza).

Verificato che dalla mancata esecuzione dell’intervento suddetto potevano generarsi danni patrimoniali all’Amministrazione Comunale, dal 2007 sono state attivate richieste di possibili finanziamento dell’intervento di restauro del monumento (Fondazione Caripit, Istituti Raggruppati).

Nel Piano Investimenti 2014-2016, nell’anno 2014 è stato inserito (ripreso dai piani investimenti degli anni precedenti) il Prog. 34117 “Intervento di messa in sicurezza e restauro del Monumento presso ex Asilo Puccini a Capostrada” per un importo di € 70.000,00.

L’intervento è in attesa di finanziamento.
Pistoia, lì 1.10.2014.

[comunicato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “LEGNO ROSSO. PER IL MONUMENTO DI LINNEO C’È ANCORA TEMPO

  1. “Il Servizio Lavori Pubblici ha elaborato il progetto definitivo di restauro del monumento (composto da Relazione Tecnica – Documentazione fotografica – Computo metrico estimativo e quadro economico di spesa, agli atti d’ufficio) con un costo complessivo stimato in € 70.000,00”.
    In attesa di avere il quadro economico di spesa e analizzarlo dettagliatamente…
    E pensare che il mai abbastanza onorato Niccolò Puccini volle realizzare i monumenti, tra cui anche quello a Linneo, con materiali poveri, anche deperibili ed inclini all’usura (come la terracotta), per lasciare più risorse possibili agli orfani pistoiesi.
    Tra l’altro è interessante conoscere in che data il servizio Lavori Pubblici abbia elaborato il progetto definitivo di restauro: l’affidamento alla ditta Flori è del 2007 e l’importo di 70 mila euro supera la soglia sotto la quale è previsto l’affidamento diretto.
    Si ha ragione di ritenere che con un bando di gara l’importo finale si ridurrebbe verosimilmente ad un terzo della cifra stimata.

  2. Si ricorda che i lavori di rifacimento del lago del villon Puccini, consolidamento e ripristino del terreno eroso, 200 metri circa di argine, sono stati appaltati per 80 mila euro circa, ovvero 10 mila euro in più della stima per il ripristino del monumento formato da basamento in muratura, stele e statua in terracotta.
    Si ricorda anche che nel 2007, ai Lavori Pubblici di Pistoia, si era ancora nel pieno della “ricreazione”: tutto poteva succedere senza che ciò creasse scandalo o stupore. Il sottopasso di porta nuova, tanto per fare un esempio, venne progettato e realizzato non a norma: anche la procura della repubblica di Pistoia lo riconobbe, rispondendo all’esposto di Legambiente, salvo specificare che avrebbe atteso il verificarsi di un incidente per perseguire le responsabilità.

Lascia un commento