“LETTERA A UNA REPUBBLICA DEFUNTA”

Google 2 giugno 2015
Effetto rete…

SI FESTEGGIA la Repubblica. Una repubblica nata male, con un referendum che turbò l’anima e il cuore degli italiani; e finita male grazie ai campioni della democrazia e della questione morale: gli ex-Pci, in testa ai quali si trovò, per materia grave, piena avvertenza e deliberato consenso, un uomo di cui è difficile avere stima, sia per i suoi applausi ai fatti di Budapest, sia per aver travalicato i poteri concèssigli e averci dato in pasto tre governi-massacratori illeciti perché non votati da nessuno di noi elettori-spennati dalla politica, dalla sua corruzione e dalle sue spese che continuano, ancor oggi, senza freno.

Monti, Letta, il pupàttolo sono qui e hanno combinato il dissesto a cui stiamo assistendo, pur se i lacchè di regime – dalla stampa asservita, ai neo-politici eletti e rieletti anche dispetto e spregio delle leggi e della loro correttezza morale – ci stanno bombardando con i falsi spot sulla ripresa economica: che non ci sarà. Mai. Finché non usciremo dall’€uropa della Merkel e dei tedeschi che hanno sempre provocato dissesti, danni e guerre senza riceverne mai altro che (almeno alla fine) elogi. Perché piacciono alla finanza e a chi ha quattrini a danno di tutto e di tutti.

Potevo dire, anche, Lettera a una Repubblica mai nata. Ma sarebbe stata una mancanza di precisione: nata, la fu, questa Repubblica – almeno fino a Monti. Pur se stentatamente.

Una scheda del referendum
Una scheda del referendum

Poi defunse sotto la mannaia della Corte Costituzionale che ci avvertì: «Il Parlamento? Illecito». Ma qualcuno ha fatto qualcosa, forse? Nemmeno per sogno. Siamo in Italia.

Poi arrivarono i tre presidenti del consiglio (tutto minuscolo… e che premier? I premier sono quelli inglesi, non i presidenti del consiglio – minuscoli – degli italiani, brava gente…).

Poi salì al Colle uno che, pur avendo definito illecito il nostro parlamento, da quel parlamento e non solo si fece eleggere e se ne andò a dirigere l’ambaradàn. Rendiamo grazie al Signore!

Devo far finta di credere a una sostanziale buffonata che nemmeno i ragazzini metterebbero in ponte quando, giocando alla guerra, cercano di imitare i grandi?

C’era una volta una legge elettorale proporzionale che aveva un sacco di mende e di pecche, ma che costringeva la gente a pensare col cervello, a prendersi responsabilità di crisi o di retta dei governi, ma che – soprattutto – non permetteva a certi bastardi di fare come vogliono senza ascoltare nessuno e andando in tasca a tutti.

Senza parole
Senza parole

Venne l’idea, al fine di rendere stabili i governi, di cambiare quella locomotiva a vapore, ma sicura e indistruttibile: si chiese, però, al popolo – primo inganno – di darne piena delega al governo di allora.

Ricordo che lavoravo al Tirreno e avevo la responsabilità della pagina di Quarrata-Agliana-Montale. Il capo redattore, Giuliano Fontani, parlando con me, mi chiese come avrei votato: gli risposi che io, di deleghe, non ero disposto a darne. A nessuno, tantomeno a un governo. Giuliano mi disse che stavo sbagliano.

Nacque la prima riforma elettorale con lo scorporo-correttivo da vomito per non dire, pistoiesemente, da onco. E iniziarono i guai. Ve lo siete scordato? Era appena vent’anni fa.

Sono durati i governi nel frattempo dopo quella brillante riforma? O si sono sfasciati in tutti i modi, perfino con il primo inciucio incostituzional-casino Prodi-D’Alema? anche baffino non era stato votato. E quanti ne abbiamo visti cadere prima, durante e dopo? E poi… porcelli, maiali, suini elettorali: tutto è diventato una norcineria istituzionale. Fino alle abnormità di oggi. Impresentabili: accettabili solo al Partito Dominante o Democristiano – macché democratico…!

Il francobollo russo dedicato a Palmiro Togliatti
Il francobollo russo dedicato a Palmiro Togliatti

Tre anni dopo la delega al governo per la riforma della legge elettorale, Giuliano Fontani venne da me e mi disse: “Credo che tu avessi ragione… La legge è stata un troiaio”.

So di avere un pessimo carattere. So di non essere bravo come tanti compagni – anche quelli che, pur tenendo la foto di Palmiro sulla scrivania dell’ufficio, quando furono chiamati al mio processo del lavoro contro Il Tirreno, vennero a dire che non mi avevano mai visto, per 43 mesi di fila, a fare la pagina di Quarrata-Montale-Agliana come redattore ordinario: cosa, invece, accertata in pieno dal dott. Amato, oggi presidente del Tribunale di Pistoia, ma allora giudice del lavoro.

Ma so anche di non essere demente, né cretino né senza cervello. Non ho fatto il 68 e me ne vanto. Non sono un compagno di oggi e non mi vergogno a dire di essere stato un craxiano convinto e di rimpiangere ancora Bettino. Mandatemi pure al confino!

Per questo non posso festeggiare una repubblica che è defunta. Una repubblica che lascio a Google e agli italiani che vivono di Facebook e di calcio.

Vedi anche: http://ilblogdilameduck.blogspot.it/2015/05/parla-craxi.html

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

5 thoughts on ““LETTERA A UNA REPUBBLICA DEFUNTA”

  1. Buon giorno Direttore…il suo articolo è come sempre interessante e sopratutto non banale. Ma c’è ancora qualcuno che si ricorda come si stava in Italia nei tanto dileggiati anni 80? Si, quelli della Milano da bere, delle frivolezze e delle Marine Ripe di Meana. Bè io lo ricordo bene, ero un ragazzo, finiti gli studi ho trovato subito un lavoro, subito a tempo indeterminato e nel giro di pochi anni prendevo ciò che ora sono 1100 euro….30 anni fa…la tassazione dello Stato al 30% e le tasche gonfie di lirette: c’era spazio per il risparmio, come per vacanze, pizza ogni sabato, vestiti nuovi senza problemi e gente molto rilassata. L’UE era delle dimensioni giuste, con economie molto simili e le Banche Centrali servivano alle politiche economiche della Nazione e non viceversa. Certo, in media cambiavamo un governo ogni 1-2 anni e quindi pareva sensato cambiare il sistema elettorale: la gente si espresse per il maggioritario. Ma ai politici non stava bene e come sempre, disattesero il referendum (ciao Pubbliacqua, ciao Rossi…a quando l’acqua pubblica?) inventandosi una serie di porcai che alla fine ci portano dritti dove siamo ora…a scavare per vedere dove si tocca il fondo.
    Arrivò mani pulite, che servì alla sinistra più inconcludente a prendere il potere. Prodi per dimostrarsi degno di tanto regalo, ci fece entrare nell’euro firmando quello che ora egli chiama un “patto stupido”, ben sapendo che non eravamo pronti, D’Alema, per mostrarsi degno mandò i caccia a bombardare Belgrado con gli americani (penso che se fosse stato necessario per accreditarsi avrebbe mandato in caccia anche su Mosca).
    Ma in tutto questo i cittadini dove erano? Al mare. Come ieri.
    Saluti
    Massimo Scalas

Lascia un commento