letterappenninica. “A TEMPO DI GIOCO NELL’ORTO DI GIOVANNINO”

Pian di Novello
Pian di Novello

CUTIGLIANO. Si terrà Sabato 6 agosto 2016 alle ore 10:30 a Pian di Novello loc. Pianaccina, l’inaugurazione del Parco Artistico: “A tempo di gioco nell’orto di Giovannino”.

La Riserva Naturale Biogenetica, gestita dall’Ufficio Territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato, che ne tutela la biodiversità svolgendo attività di educazione ambientale, offre un ambiente unico dove trascorrere momenti di relax e svago immersi nello spettacolo di una natura incontaminata.

Si tratta di una delle più belle foreste della montagna pistoiese, estremamente suggestiva in ogni stagione, accogliente e facilmente percorribile da chiunque attraverso il pianeggiante e agevole stradello forestale Oppure attraverso i vari sentieri sparsi nella faggeta.

L’Orto di Giovannino è una zona semipianeggiante all’interno della Riserva. Si racconta che il pastore Giovannino, all’inizio dello scorso secolo, vi coltivasse da maggio a settembre il proprio orto, per poi ripartire per la Maremma dove trascorreva l’interno inverno.

Si tratta di sette installazioni “interattive” disseminate al di sopra e di sotto del sentiero, realizzate da altrettanti artisti. Ebbene, tutti loro hanno sfidato il tema del gioco proponendo opere interattive con all’interno delle quali bambini, ragazzi, e perché no adulti, potranno trascorrere momenti di svago, sereni e gioiosi.

Ogni intervento, infatti, presenta esperienze ludico-immaginative diverse.

In attesa della neve di Dario Longo è una famiglia di grandi pupazzi realizzati con sezioni di tronco d’albero; in vicinanza, altri dischi di legno esortano a “costruire” figure immaginarie che facciano compagnia ai tre solitari i quali, normalmente, esistono soltanto grazie alla neve.

Un teatro per Beatrice di Leonardo Begliomini, è certo un omaggio alla poetessa spontanea Maria Beatrice Bugelli vissuta in questi luoghi nell’ottocento; ma più è un palcoscenico per chiunque voglia “salire alla ribalta” inscenando performances, declamare poesie, inventare sketch oppure, semplicemente intrattenere amici e familiari.

La casa del sole e della luna di Cristina Palandri, è uno spazio “domestico” in cui sedersi per immaginare quanto l’astro e il satellite fanno parte delle nostre fantasie, e così raccontare

le proprie storie. Come dedicarsi al gioco delle “scoperte” osservando quanto avviene oltre le aperture praticate nella casetta. Quello l’ho visto prima io! Ora tocca a te scegliere, si potrebbe sentir gridare chi giochi.

Crinale di Pian di Novello [Cai Maresca]
Crinale di Pian di Novello [Cai Maresca]
La bilancia armonica di Flavio Pacino è una struttura apparentemente precaria, una sorta di marchingegno “impossibile” il cui telaio sostiene forme immaginarie grazie alle quali è Possibile creare equilibri estetici, capaci di rapportarsi con quelli presènti nella natura circostante. Un gioco, quindi, per educare alla bellezza.

Il gioco della Lippa di Silvio Viola, è una sorta di “monumento” a uno dei giochi popolari italiani risalente al XV sec. e molto praticato dopo il secondo dopoguerra. La mazza e la lippa (cilindro di legno appuntito alle due estremità) sono ingigantite, per eleggerne la priorità rispetto al consimile gioco americano del Baseball. All’interno di un contenitore si possono trovare gli attrezzi reali per dare inizio al gioco.

Il labirinto – Altrove VI – di Simone Azzurrini, un percorso “segnaletico” spiraliforme che conduce a un avvallamento. Ovvero, il luogo in cui la pausa consenta di valutare le capacità fisiche e mentali che ciascuno ha dispiegato per superare gli ostacoli lungo il cammino. Un tragitto a tempo, che può essere considerato come metafora di quello che attende ognuno di noi durante l’esistenza.

Gli alberi parlanti di Andrea Dami, si tratta di una terna di “alberi cavi” in cui rintanarsi per sperimentare quanto sia possibile dare voce a dei tronchi. Inoltre, nell’interno di uno dei tre, l’artista ha predisposto degli “strumenti” sonori che possono consentire di “duettare”, come gnomo o folletto, con le invenzioni vocali di chiunque abiti le “tane”.

L’intervento è stato possibile grazie al proficuo lavoro in primis della dott.ssa Raffaella Pettina e del Corpo Forestale dello Stato, del prof. Siliano Simoncini che ne ha coordinato il progetto artistico, la Pro Loco Pian degli Ontani e i ristoratori della Val Sestaione (Albergo Ristorante La Villa, Albergo Ristorante La Casetta, Albergo Ristorante L’Alpino, Albergo Ristorante Sichi, Albergo Ristorante Petrucci, Camping Il Pinguino).

[comunicato comune cutigliano]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento