lgbt. USL CENTRO DISCRIMINANTE E SESSUOFOBICA?

FIRENZE-PRATO-PISTOIA. Ci ha fatto piacere ricevere dall’Usl una scheda di pre-anamnesi utile a meglio sbrigare le consulenze per la profilassi che devono svolgere i viaggiatori che si devono recare in aree a rischio di tipo sanitario.

Ci ha però colpito che l’Usl Centro compia degli impronunciabili sacrilegi, commettendo un grave crimine nella specificazione di sole due opzioni sessuali: maschio o femmina.

Nella nuova era del governo giallo-rosso, la Min(e)stra Cirinnà sarà subito pronta a rettificare il marchiano errore compositivo della scheda, che limita l’identità sessuale a due soli generi.

Me lo sono chiesto: chissà cosa ne penserà l’assessorA regionale alla Cultura Monica Barni o l’altra alla Sanità, Stefania Saccardi, ma anche i minori referenti demokrats assessori Sandra Neri, Marianna Menicacci e la consigliera Chiara Mainardi di Montale o Alberto Guercini, la Luisa Tonioni e Guido Del Fante, chiaramente posizionati in prima linea sulla trincea dello sdoganamento di istanze Lgbt tipo la pratica dei riti civili “culimoni” (termine coniato da Sgarbi), convivenze civili, gay pride e altre amenità.

Monica Barni, assessorA regionale alla cultura, farà rettificare la scheda di preanamnesi?

Avrebbero – tali Soloni della cultura di sinistra – còlto la grave violazione dei diritti umani, planetariamente rivendicabili o diversamente, avrebbero crociato la casella – così tanto discriminante – ritenendolo un adempimento burocratico tollerabile e anzi, giustificato dal buon senso e, soprattutto dall’ordinamento tassonomico dei generi esistenti?

Avrebbero protestato o no, contro il comportamento sessuofobico e convenzionale della nostra Usl Centro?

Alessandro Romiti
[alessandroromiti@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email