L’INCENERITORE, L’INQUINAMENTO E LE RAPE DELLA PIANA

Campi di rape e verdure nei dintorni dell'inceneritore
Campi di rape e verdure nei dintorni dell’inceneritore

AGLIANA. Sono le 22:35 quando veniamo chiamati da una simpatizzante di Fb che ci riferisce del disappunto di Pierfrancesco Mazzetti per la foto relativa al servizio sull’inquinamento della catena alimentare.

Mazzetti – immobiliarista aglianese-montalese, noto per essere uno dei tre che hanno sostenuto Mangoni (e prima ancora Magnanensi) alla corsa a sindaco – protestava per aver visto l’immagine del suo campo coltivato a rape postata su Fb.

Noi siamo stupiti da tale comportamento e ci chiediamo: non farebbe, forse, meglio Mazzetti a preoccuparsi della salute dei suoi concittadini che da anni è esposta inconsapevolmente ai processi di biomagnificazione di inquinanti organici di vario genere emessi dall’impianto di via Tobagi?

Il camino del Cis – si ricorda ai più – ha dei volumi d’emissione di fumi stimati in oltre 80.000 Nm3 ogni ora (e ripetiamo “ora”) che, per 24 ore per 365 giorni all’anno, fanno circa 700.000.000 Nm3: questo dato è sempre taciuto nelle tabelle di aggiornamento delle emissioni dell’impianto pubblicate dai rassicuranti bollettini comunali che riportano emissioni confortanti di 0,0091 ng I-Teq/Nm3. Tali quantitativi o “dosaggi”, sono inevitabilmente destinati a ricadere sul territorio o no?

L'inceneritore e le coltivazioni della Piana
L’inceneritore e le coltivazioni della Piana

Le verifiche effettuate sono state peraltro assai inquietanti: la raccolta delle rape è fatta proprio da ditte di lavorazione e bollitura di verdure, raccolte subito fuori dall’ombrello di ricaduta dell’impianto Cis, distante circa 800 metri (vedi scheda su analogo impianto).

Sembra comunque certo che le verdure raccolte siano destinate all’alimentazione e dunque, siamo costretti a chiedere alcuni chiarimenti utili alla informazione del caso, per quanto da sempre negate dall’amministrazione aglianese (vedi intervista assessore):

  • Da quanto tempo i terreni sono usati per la coltivazione intensiva di ortaggi e verdure?
  • Quali e quante sono le aziende che si occupano di tale coltivazione?
  • Dove vanno a finire quei prodotti alimentari?
  • Mazzetti risponderà per rispetto della Costituzione – tanto apprezzata dal sindaco Mangoni – quando parla di libertà dell’informazione e diritto di critica?

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “L’INCENERITORE, L’INQUINAMENTO E LE RAPE DELLA PIANA

Lascia un commento