lo sfogo. PROGRESSIONI ECONOMICHE, QUALCUNO SI MUOVE

 

Il Comune di Montale

MONTALE. Progressioni economiche nei comuni della piana: qualcosa si muove e qualcuno, evidentemente all’interno dei “palazzi” inizia a parlare. Anche se con la massima cautela.

Si lanciano anche critiche al sindacato e si denunciano situazioni non proprio consone come la consumazione del pasto durante l’orario di lavoro all’interno degli uffici comunali o il rifiuto da parte di qualche ufficio comunale di occuparsi di materie di propria competenza. Il tutto accadrebbe nel comune di Montale.

Sono giunte in redazione per la precisione due email firmate (entrambe dallo stesso indirizzo) che avallano il tentativo di Linealibera di “vigilare sull’operato di qualcuno”. Uno sfogo.

Il nostro lettore, per ovvi motivi, chiede di rimanere nell’anonimato.

“ Leggo delle progressioni di Agliana, del vigile, di quelle della Valdinievole, dell’allora comandante Paola Nanni, che ora è a Montale, e mi viene da rispondere….Certo che non sono stati applicati i criteri meritocratici, perché coloro che girano a consigliare su come fare la contrattazione decentrata in questi Comuni vicini tra loro, sono sempre gli stessi.

Una delle email

Il sindacato da una parte, Rsu compresa che a mio avviso non sa nemmeno quello che firma — forse tutti tranne una è quasi inconsapevole di cosa ha firmato—, e l’Amministrazione dall’altra e anche in questo caso se si va a chiedere di cosa si parla, non lo sanno ..Ecco che prende il sopravvento la parte più preparata in materia (ovvero) il sindacato.

Se si guarda bene in fondo in fondo quelli che per primi fanno la progressione o la carriera sono dipendenti con la tessera, sebbene la Rsu rappresenti tutti. Ma anche loro sottostanno al volere di chi è più grosso perché di fatto non sono informati”.

“Nel mio comune (Montale) l’ultima progressione è stata fatta senza criteri meritocratici ovvero con decorrenza dal 2015, benché la legge Brunetta dica espressamente quali criteri usare. Quindi non mi sorprendo se nei comuni vicini ad Agliana siano state fatte progressione con criteri illegittimi se sono sempre gli stessi sindacati a disporre cosa fare con il benestare del segretario generale che rappresenta l’Ente.

La contrattazione viene fatta da loro: l’Ente da una parte e i sindacati dall’altra. Ma pare che questi ultimi abbiano la meglio. Mi chiedo dunque: chi li fermerà?”.

Il lettore – che sembra ben informato – interviene quindi sui concorsi per progressione di carriera per la Polizia Municipale.

“Viene chiesto come requisito la laurea e l’anzianità di servizio solo per quanto riguarda il settore della Polizia Municipale ma il Comune è piccolo e si conosce tutti. Pertanto solo un dipendente e solo quello poteva partecipare”.

“Quanto al controllo — prosegue la email — avrei da dire la mia.. All’ufficio Entrate è stato assegnato il rilascio di passi carrabili che di fatto è competenza o dell’ufficio tecnico o dell’ufficio polizia municipale …ma pare, sembra, che venga dato ad una persona appartenente ai vigili ovvero ad un amministrativo, perché gli uffici preposti si sono permessi di dire: noi non li facciamo! Ecco! Praticamente è come dire che l’ufficio tecnico si rifiuta di rilasciare i permessi a costruire oppure l’anagrafe le carte di identità!

E mentre l’ufficio Entrate è sobbarcato di lavoro a iosa a qualcuno c’entra anche tre pause al giorno: la mattina tra le otto e quindici per un caffè (tutti riuniti in una specie di ufficio);.poi alle undici e dieci, e ora da poco tempo verso le tredici e dieci circa, c’è anche il pranzo tant’è che si sente il profumo del cavolo scaldato o un altra pietanza.

Ferdinando Betti

E questa volta cambia l’ufficio: il ritrovo avviene in quello che dovrebbe essere del responsabile di servizio ma che è vuoto ormai da settembre dello scorso anno. Naturalmente questi dipendenti sono tutti iscritti al sindacato per queste riunioni di merende.

Il dirigente ha dato le dimissioni un anno fa circa, e il posto si attende venga ricoperto. Chissà da chi! Forse anche qui sarebbe da chiedersi perché!”.

“Un concorso a Quarrata – conclude la email – sta per essere fatto per istruttore direttivo contabile. Chissà che non prendano qualcuno da quella graduatoria, visto che la mobilità è andata deserta”.

Ad una prima lettura  le critiche alla gestione degli uffici comunali e della Rsu-rappresentanza sindacale unitaria lanciate dal nostro lettore appaiono “disarticolate e confuse” e quindi vanno considerate come tali.

E per questo siamo in attesa di ulteriori conferme o smentite. Come sempre siamo pronti ad accogliere qualsiasi contributo.

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “lo sfogo. PROGRESSIONI ECONOMICHE, QUALCUNO SI MUOVE

Lascia un commento