l’occhio sulla città. GERI A TUTTO CAMPO. 1/2

«Il Pd è stato asfaltato semplicemente perché ha cancellato quelli che sono i problemi e le difficoltà quotidiane dei cittadini: sanità, servizi inefficienti, e manutenzioni»
Fabrizio Geri
Fabrizio Geri

PISTOIA. Prendiamo a prestito l’espressione dell’occhiello da Renzo Cosci, in particolare dal titolo dalla rubrica che per anni l’acuto osservatore di Pistoia e non solo ha tenuto sui quotidiani della carta stampata.

Chiediamo infatti al coportavoce comunale dei Verdi di parlare a 360 gradi, senza autocensura, supercazzole e assillo del politicamente corretto, ma con quella franchezza argomentativa che, a livello locale, in pochi sanno dimostrare.

Dalla recente tornata amministrativa ai problemi dell’economia nazionale e comunitaria fino alle prossime scadenze pistoiesi.

Ecco le risposte di Fabrizio Geri.

Il Pd è stato asfaltato semplicemente perché, nelle campagne elettorali, si è messo a parlare, tramite i suoi trinariciuti esponenti, di vere e proprie cazzate, cancellando quelli che sono i problemi e le difficoltà quotidiane dei cittadini: sanità disastrata, servizi inefficienti, manutenzioni di strade e patrimonio inesistenti.

Le Olimpiadi di Roma, il tav Torino-Lione, l’aeroporto a Peretola per Marco Carrai, la schforma costituzionale su cui c’è il referendum di ottobre…cosa c’entrano con le priorità della vita e dell’economia reale?

L’asfaltatura non ha risparmiato nemmeno larga parte del mondo della presunta informazione e di quelli che io chiamo giornalai: quel sistema, appunto, che ha fatto da gran cassa alla narrazione demenziale, spesso con punte di terrorismo psicologico, di Olimpiadi, referendum e di tutti gli altri temi avulsi dalla vita dei cittadini.

Pd: da Berlinguer ai petrolieri e lobby parassitarie
Pd: da Berlinguer ai petrolieri e lobby parassitarie

Le recenti amministrative avrebbero anche suggerito che l’arroganza non paga: invece si continua a vedere in televisione “personaggetti” supponenti come Ernesto Sparalesto Carbone detto #ciaone.

Per dignità personale poteva scomparire per un paio d’anni, ma quelli che vivono di politica o nel sottobosco, e nella società civile avrebbero poche opportunità, non conoscono vergogna.

Devo comunque complimentarmi con Massimo Baldi per le sue analisi politiche, in quanto riesce sempre a superare Lercio e Il Vernacoliere; il ragazzo ha talento e un futuro assicurato.

Rossi & C.: bocciati dal Mef
Rossi & C.: bocciati dal Mef

Ma la sconfitta che più brucia alla Carrai & associati ho difficoltà a chiamarlo partito, per di più democratico  è Sesto Fiorentino: dove si tocca con mano l’incapacità dei dem di amministrare e affrontare i problemi, che a me stanno a cuore.

In questo caso il ciclo dei rifiuti e gli obiettivi di riduzione e riciclo, ovviamente mai presi in considerazione dai politicanti toscani: devono pensare all’inceneritore perché in Italia siamo così bischeri che finanziamo l’incenerimento dei rifiuti; a differenza di tutta l’Europa che incentiva, appunto, la materia rinnovabile.

Registro anche il fenomeno della giustizia ad orologeria: e qualcuno dovrebbe chiedere scusa alle accuse rivolte a Berlusconi, che evidentemente ci aveva visto giusto.

Renzi e Mister Bean: attenti alle differenze
Renzi e Mister Bean: attenti alle differenze

Infatti a Milano la procura ha fatto una retata, scoprendo che expo è servita, come in tanti dicevamo, non a nutrire il pianeta, ma a nutrire con quattrini pubblici le aziende affiliate alla ndrangheta.

Gli arresti sono stati effettuati due settimane dopo il ballottaggio che ha visto uscire vincitore il candidato Pd Sala, quello che ha lasciato Expo con centinaia di milioni di debiti… ripagati da Governo e Regione Lombardia.

Come mai si è aspettato tanto? Sarà mica l’applicazione del ‘modello Pistoia’, quello in cui gli arresti per l’inchiesta Untouchables partirono, nel 2012, solo dopo la riconferma del Pd alla guida della città?

Oppure mi viene il paragone con il buco di 420 milioni alla Asl di Massa: tutto venne fuori solo dopo che Rossi, assessore alla sanità, divenne governatore.

Ribadisco qui tutta la mia preoccupazione per lo stato in cui versa la sanità toscana: se escludiamo le aziende universitarie, all’avanguardia e attrezzatissime, tutto il resto è allo sfascio, liste d’attesa, prestazioni, turni, organizzazione del personale e politiche aziendali insensate. Me lo confermano colleghi medici che ci lavorano; il Pd di Rossi ha devastato questo servizio fondamentale.

Fabrizio Geri
Ospite

[continua]

Vedi anche: http://www.linealibera.info/locchio-sulla-citta-geri-a-tutto-campo-22/

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

4 thoughts on “l’occhio sulla città. GERI A TUTTO CAMPO. 1/2

  1. Va tutto bene, caro Geri. Ottima analisi che in gran parte condivido. Meno che per quanto riguarda una vera e propria mostruosità, che consisterebbe nel dovere addirittura chiedere scusa al delinquente di Arcore, il quale “ci avrebbe visto giusto”. Due voti in meno al tema solo per questo erroraccio da matita superblù.
    Piero

  2. Però Piero….bisogna ammettere che in confronto a questi quà, il berlusca rischia di passare alla storia per un ragazzetto un po vizioso…e comunque finalmente esce alla luce del sole ciò che chiunque non politicamente schierato aveva capito da tempo:
    – non esiste la differenza morale tra supposta destra e supposta sinistra. Ovvero non esiste differenza.
    – Verdini è stato mandato da Berlusconi a sorreggere il governo Renzi: scissione bufala.
    – il Pd attuale fa le stesse identiche porcate del governo Berusconi, solo che non ha la stampa contro, e non gliene frega niente della gente comune, anzi, direi che la disprezza.
    Buona serata
    Massimo Scalas

    PS. frase di Flaiano: “Gli italiani corrono sempre in aiuto al vincitore.”

  3. Ottima analisi, Massimo, e per giunta molto amara, anche se a prima vista ci se ne può non accorgere. Sì, questo P.D fa molte delle cose che faceva quell’altro figuro, invece di lavorare per farlo dimenticare e ridare un senso morale e civile al Paese.
    Ed allora, che dire? Forse qualcuno tornerà in sé dopo avere preso una bella ripassata. Ma non sono sicuro neppure di questo, visto che in Toscana abbiamo una Lega al 20% ed i Cinque Stelle al 15, e questi continuano a fare finta di nulla.
    Alla prossima e buona continuazione di vacanze, sperando in notizie migliori.
    Piero

Lascia un commento