lodi fantasma 4. IL CIS CONFERMA: DOCUMENTI IMPRESENTABILI E IMBARAZZANTI

Franceschi dimostra il forte imbarazzo con il quale denuncia di avere tenuto all’oscuro l’assemblea dei tre soci Quarrata-Montale-Agliana (atto anche illegittimo), usando come pretesto la circostanza della forbice che, diversamente, dovrebbe essere un motivo di stimolo proprio per impostare un’azione di tutela degli interessi pubblici, di ristorare la società Cis Spa dei danni indotti dagli errori della costruzione, riportati nel lodo arbitrale nascosto in ghiacciaia…

 

Edoardo Franceschi tenta di blandirci: ma sputa il rospo perché sappiamo leggere da soli i lodi dello scandalo

 

 

AGLIANA-MONTALE-QUARRATA. È stato sicuramente Lorenzo Gerace che ha impegnato il Franceschi a rispondere alla nostra denuncia di malagestio della vicenda tra Cis spa e Ladurner, con due controversie (una sui difetti di costruzione dell’impianto di incenerimento rifiuti e l’altra sulla mancata produzione di energia) insorte nel rapporto di appalto di costruzione, affidato alla Ladurner.

I cinesi della Ladurner, tengono la partecipata Cis per le palle con il blocco della definizione economica del lodo, chiuso in ghiacciaia, grazie alla dichiarata “incompetenza tecnica” dell’Avv. Lisabetta Bujani, chiamata a presidere il collegio arbitrale…

Che l’affidamento della gestione impianto alla società asiatica (Ladurner è oggi cinese, non Trentina) sia una cosa errata – per i costi (oltre 1 milione e 200 mila annui) e le capacità di controllo diretto sull’efficienza dell’impianto – è dimostrato da una circostanza storica: nel maggio del 2009, l’arrivo della Ladurner fu annunciato da un nostro scoop: i consigli comunali dei Comuni proprietari del Cis non avevano avuta alcuna

Lettera Franceschi 1 (l’avrà sollecitata il Gerace, per lavarsi le mani in modo pilatesco?)

Lettera Franceschi 2. In basso spiccano i marchi di qualità Iso 9000 e 14000. Ma sono assicurati davvero?

Luca Benesperi protestava per gli atti negati dal Fragai, ma oggi li nega lui ai suoi cittadini. Vergogna!

Roi Giorgi, revisore dei conti, che penserà di questa vergognosa vicenda di valore inderminato?

notizia sull’affidamento, dimostrando così la protervia della partecipata comunale che letteralmente “decideva” senza le autorizzazioni dei consigli comunali.

Lorenzo Gerace non ci risponde

Oggi il Franceschi – evidentemente sollecitato da Lorenzo Gerace, costretto dal còmpito di Presidente del Collegio sindacale a “fare qualcosa”ha scritto una lettera confessoria e anche un po’ ridicola perché mette in chiaro la volontà, mai dichiarata prima, di negare e resistere all’accesso civico generalizzato sugli imbarazzanti documenti.

Facendo un raccordo e una intersezione con l’intervista  avuta con l’Avvocata Bujani (quella che venne nominata dal Presidente del Tribunale, ma che si scoprì incapace di svolgere l’incarico e – reggétevi forte – si rimise al parere delle due medesime parti che, per risolvere il contenzioso, avevano richiesto la procedura!) il quadro patologico è chiaro: la vertenza è fondata su un centinaio di capitoli di contenzioso che hanno una rilevanza tecnica massiccia e che devono essere sciolti con una perizia tecnica fondata sul contraddittorio e non con le supercàzzole del Franceschi nelle sedi dei consigli e delle commissioni dei “decisori” politici.

Questi ultimi, sia chiaro, non si salvano: con la loro omertà e reticenza (vedi il caso del “tromboncino liberista” Luca Benesperi) hanno dimostrato la loro incompetenza e incapacità preferendo una vergognosa ignavia al dovere della chiarezza e dell’accertamento dei fatti.

Anche Alberto Fedi (secondo da sinistra dopo Vannucci), consigliere di opposizione, è rimbalzato lui sull’accesso civico: non potrà esercitare il controllo sindacale/politico. Stamane ci conferma che sui lodi il Betti ha detto “Niet” con l’ignavia della Smemorina. Cosa c’è dietro?

Se “mancano i riferimenti tecnici” per risolvere la controversia con la Ladurner, come lascia capire il Franceschi, allora si provveda a risolverli con una Ctu, anche collegiale se particolarmente complessa.

A chi giova tenere in “ghiacciaia” una vertenza che potrebbe avere una consistenza di quasi 5 milioni (10 miliardi di vecchie lire di soldi pubblici)?

Il Franceschi tenta di blandirsi, rappresentandoci che la forbice (da 0,7 a 4,7 milioni) è la causa della non pubblicabilità del lodo, mentre esso ne è l’effetto e dovrebbe essere motivo di accelerazione della risoluzione della controversia, non del suo congelamento, in attesa di tempi migliori. Da quì l’esigenza di una pubblicizzazione in trasparenza e chiarezza, cosa ostile agli uomini della nomenclatura di via Tobagi e del Pd.

Una situazione che dimostra la mancanza di volontà delle parti in lite (ma che sono legate in un rapporto malato e omertoso di collaborazione coatta, alla quale sono costretti per vil danaro dei cittadini-sudditi).

Nella lettera il Franceschi dimostra il forte imbarazzo con il quale denuncia di avere tenuto all’oscuro l’assemblea dei tre soci (atto anche illegittimo), usando come pretesto la circostanza della forbice che, diversamente, dovrebbe essere un motivo di stimolo proprio per impostare un’azione di tutela degli interessi pubblici, di ristorare la società Cis Spa dei danni indotti dagli errori della costruzione, riportati nel lodo arbitrale nascosto in ghiacciaia.

Prossimi passaggi di “coinvolgimenti” (i distratti o cecàti sono molti in questa vicenda, come ha dimostrato il ristretto Gerace!), saranno quelli della denuncia agli uomini della Certificazione Iso 9000 (Gianluca Gallio), l’Organismo Interno di Valutazione (Riccardo Bartoli) e – con sicuro interesse, crediamo, visti i potenziali risvolti in bilancio – i revisori contabili Marzio Bracciotti (incaricato fino al 2019) e Roi Giorgi subentrato dal 2020, entrambi anche responsabili per gli esiti civilistici connessi.

La D’Amico negò l’accesso al consigliere Baroncelli ad Agliana e oggi lo sta negando al Fedi, violando i suoi ruoli di garanzia e controllo dell’andamento del Comune… Misteri del Pd

A proposito: ma in questa ridicola vicenda la Fata Smemorina (alias il Segretario Generale Donatella D’Amico oggi a Montale) non è tenuta quale Rcpt a dare soddisfazione all’Accesso civico di Alberto Fedi che ancora aspetta insospettito?

Vuole forse fare ammuìna come fece con il consigliere Fabrizio Baroncelli che, nel 2018, rimbalzò più e più volte, anche andando a sbattere il muso sulla scrivania della (tecnicamente incapace e insoddisfacente) Avv. Lisabetta Bujani?

Che dirà l’Anac su questa inerzia del segretaria comunale dormiente, prima ad Agliana e oggi a Montale? Lo sa la Fata Smemorina che cosa prevede il Tuel sulla procedura di accesso agli atti dei consiglieri comunali?

Alessandro Romiti
[alessandroromiti@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “lodi fantasma 4. IL CIS CONFERMA: DOCUMENTI IMPRESENTABILI E IMBARAZZANTI

Comments are closed.