LOMBARDI: «TRASPORTO PUBBLICO COSTOSO PER UN SERVIZIO INSUFFICIENTE»

Ginevra Lombardi a Pontenuovo. 1

PISTOIA. “Il trasporto pubblico costa a Pastoia 4 euro a km, circa quattro volte il costo medio regionale. A fronte di questo costo la qualità del servizio è insufficiente. Il numero delle corse è spesso inadeguato a soddisfare le esigenze della popolazione soprattutto nelle frazioni collinari e montane. Le condizioni dei mezzi sono precarie e spesso fanno dubitare della loro adeguatezza alle norme relative”.

Queste sono le dichiarazioni della candidata a sindaca Ginevra Lombardi. I problemi sono sotto gli occhi di tutti: corse che quotidianamente saltano perché gli autisti sono sotto organico, come la linea M e le linee 3 e 15, soprattutto la mattina dalle 6 alle 9, mezzi obsoleti e che spesso si bloccano lungo il tragitto, carrozzerie in pessime condizioni, freni che non funzionano e mancanza di aria condizionata. Su 151 mezzi del “parco rotante” targato Copit a metano ce ne sono meno di 30. I restanti sono tutti a gasolio.

Per non parlare della viabilità: Corso Gramsci, via Sant’Andrea e via Antonelli sono solo alcuni dei punti peggiori della città. Proprio per queste problematiche molti dipendenti del Copit aderiranno allo sciopero nazionale dei trasporti pubblici previsto per il 16 giugno prossimo. “È necessario riorganizzare il sistema del trasporto pubblico rendendolo più efficiente e sicuro, un trasporto moderno ed ecologico. Ma l’efficienza può essere raggiunta solo se il progetto di mobilità urbana è sviluppato in modo integrato con il piano della mobilità urbana”.

“Dobbiamo intervenire sul trasporto pubblico svincolandolo il più possibile dal traffico privato in modo da contenerne i costi, garantendo una velocità commerciale sufficientemente alta.  Occorre realizzare una corsia preferenziale ad anello che percorra la città seguendo il modello di una tramvia su gomma. La corsia preferenziale sarà realizzata in modo da collegare in forma circolare tutte le funzioni principali del territorio e sarà integrata con un sistema a pettine di autobus provenienti da tutte le frazioni.

Non solo. La presenza di Hitachi in città può rappresentare un’opportunità enorme: è necessario sviluppare una trattativa con Hitachi per definire una piattaforma sperimentale che dia alla città l’opportunità di ospitare le innovazioni tecnologiche per un trasporto pubblico efficiente ed ecologico”.

[pistoia cambia – pistoia in movimento]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento